Martedì 17 febbraio 2015

Diritto annuale 2015: emanato il decreto interministeriale che determina le misure per l’anno 2015

a cura di: TuttoCamere.it
In attesa della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, è stato reso noto, sul sito istituzionale del Ministero dello Sviluppo Economico, il testo del decreto interministeriale 8 gennaio 2015, emesso di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze, con il quale si determina le misure del diritto annuale dovuto per l’anno 2015 alle Camere di Commercio, ai sensi dell’articolo 18 della legge 29 dicembre 1993, n. 580 e successive modificazioni. Tre gli articoli del decreto.

  1. Le misure del diritto annuale dovuto, a decorrere dall’anno 2015, ad ogni singola Camera di Commercio da ogni impresa iscritta o annotata nel registro delle imprese e da ogni soggetto iscritto nel REA, anche per le loro sedi secondarie e unità locali, sono determinate, applicando le disposizioni degli articoli da 2 a 6 del decreto interministeriale 21 aprile 2011, con la riduzione percentuale dell’importo da versare, a partire dall’anno 2015, pari al 35 per cento (art. 1). Confermate, sostanzialmente, le anticipazioni contenute nella circolare n. 22775 del 29 dicembre 2014.
  2. Fissata la quota del diritto annuale riscosso da riservare al fondo perequativo, nonché le modalità di destinazione e di ripartizione del fondo perequativo stesso (art. 2).
  3. Fissata la somma, pari a 70 milioni di euro, per ciascuno degli anni dal 2014 al 2016, che il sistema delle Camere di Commercio destina al sostegno dell’acceso al credito delle piccole e medie imprese attraverso il rafforzamento dei Confidi (art. 3).

Della emanazione del decreto è stata fornita notizia dallo stesso Ministero dello Sviluppo Economico, con nota del 10 febbraio 2015, Prot. 18254, con la quale viene, tra l’altro, evidenziato che, per l’anno 2014, come comunicato da Unioncamere con nota n. 2350 del 29 gennaio 2015, l’impegno del sistema camerale a supporto del Confidi è stato pari a 91,8 milioni di euro; per l’anno 2014 non sarà, quindi, necessario prevedere alcuna ulteriore quota aggiuntiva del fondo di perequazione né troveranno applicazione le conseguenti previsioni di versamenti aggiuntivi da parte di codeste camere di commercio al fondo perequativo 2014 per tale finalità, ai sensi del comma 5 del medesimo articolo 3 del decreto in oggetto.

Per scaricare il testo del decreto clicca qui.


Fonte: http://www.tuttocamere.it
DOCUMENTI IN EVIDENZA:

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS