Speciale bilancio - strumenti che semplificano e organizzano il lavoro - Clicca per maggiori informnazioni!
Lunedì 12 ottobre 2009

Definite le modalita' di recupero dell’Iva su vendite/acquisti effettuati dalle societa' estere con succursale qui

a cura di: eDotto S.r.l.
E’ entrato in vigore il 26 settembre scorso il cosiddetto “decreto salva infrazioni” (“G.U” n. 233 del 25/09/2009), che contiene l'attuazione di una serie di obblighi gia' giunti in scadenza per il ritardo o il non corretto recepimento della normativa comunitaria nell'ordinamento italiano. Si tratta di situazioni eterogenee, per alcune delle quali la Commissione europea ha dato avvio anche a procedure d'infrazione. Tra gli argomenti affrontati dal provvedimento si ricordano: l'obbligo di consegna ai centri di raccolta dei pezzi usati asportati al momento della riparazione solo in capo alle imprese di autoriparazione, il funzionamento dell'Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie, la gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, l'etichettatura, la presentazione e la pubblicita' dei prodotti alimentari, i controlli in materia di sicurezza alimentare, i sistemi di misura installati nelle reti di trasporto del gas, l'adeguamento alla disciplina comunitaria in materia di servizi pubblici locali di rilevanza economica e le norme sul Made in Italy. Allo stesso modo, con il decreto indicato sono stati meglio definiti gli adempimenti Iva delle societa' estere con o senza stabile organizzazione in Italia, sia in caso di vendite di beni e servizi fatte in Italia sia in caso di acquisti. Il decreto legge, recependo il contenuto della sentenza della Corte di giustizia Ue n. 244/08 del 16 luglio 2009, ha fissato le modalita' di recupero dell’Iva previste dalle norme interne, dichiarando illegittima la prassi che obbligava il soggetto non residente ad attivare la procedura di rimborso ex articolo 38-ter del Dpr 633/72, anche in presenza di una stabile organizzazione nel territorio italiano. Di fatto, il documento prevede l’immediata detrazione Iva per i contribuenti comunitari con stabile organizzazione in Italia. In altri termini, con il citato provvedimento si e' inteso confermare un principio gia' affermato dall’agenzia delle Entrate, secondo cui la forza attrattiva della stabile organizzazione nel territorio dello Stato (con i conseguenti obblighi di fatturazione, registrazione e dichiarazione ai fini Iva) opera solo per le operazioni attive materialmente effettuate dalla stabile organizzazione e non anche per quelle realizzate dalla casa madre estera. Pertanto, le nuove disposizioni autorizzano l’uso della branch (succursale) per il recupero dell’Iva anche sugli acquisti direttamente effettuati dalla casa madre estera.
Fonte: Il Sole 24 Ore - Norme e Tributi, p. 5 – La branch fattura la propria Iva – Piazza, Poggi Longostrevi
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali