Venerdì 11 aprile 2008

DATI IVA, IL MANCATO INVIO PUO' SCATENARE I CONTROLLI

a cura di: eDotto S.r.l.
Entro martedì 29 aprile i contribuenti dovranno trasmettere alle Entrate gli elenchi Iva di clienti e fornitori. Il percorso si presenta pieno di ostacoli: la stessa agenzia delle Entrate ha invitato i contribuenti ad utilizzare “ogni mezzo” per reperire i dati corretti, anche se è molto difficile obbligare un cliente o un fornitore a trasmettere tempestivamente i dati richiesti, soprattutto se i rapporti si sono deteriorati. L’invio di dati non corretti, comporta alcuni seri problemi, oltre che far scattare una sanzione. Per violazioni di lieve entità, l’importo da pagare è di 258 euro. I contribuenti potranno definire la controversia entro 60 giorni dalla notifica dell’atto con il pagamento di un quarto della somma irrogata. Ma, oltre, alla sanzione, nel caso in cui i dati non vengono “incrociati” si è soggetti ai controlli del Fisco. Per porsi, comunque, al riparo da eventuali procedimenti a proprio carico, il contribuente deve sempre richiedere al cliente o fornitore il numero di partita Iva, con una modalità che consenta la prova dell’avvenuta notifica (raccomandata a/r, fax, posta elettronica ecc.).
Fonte: Il Sole – 24 Ore, p. 30 – Dati Iva, il mancato invio può scatenare i controlli – Portale - Romano
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report