Mercoledì 4 giugno 2008

DANNO PATRIMONIALE, L’ORDINE E' PARTE CIVILE

a cura di: eDotto S.r.l.
La Cassazione, con pronuncia n. 22144 depositata il 3 giugno 2008, torna a ribadire che l’Ordine professionale ha facoltà di costituirsi parte civile nel processo penale per chiedere il risarcimento dei danni, morali e patrimoniali, subiti per effetto dell’abusivo esercizio della professione. Si spiega che il reato di esercizio arbitrario della professione, contenuto nell’articolo 348 del Codice penale, è a tutela in via primaria dell’interesse generale a che alcune professioni che richiedono particolari competenze tecniche siano svolte esclusivamente da soggetti che possiedono una speciale abilitazione amministrativa. Pertanto, l’eventuale lesione del bene riguarda in via diretta e immediata la pubblica amministrazione, con la conseguenza che gli Ordini professionali non sono abilitati a costituirsi parte civile con il solo scopo di tutelare gli interessi morali della categoria. Ciò non toglie, però, che l’Ordine possa assumere la veste di danneggiato rientrando tra i soggetti che hanno subìto un danno di natura patrimoniale dall’esercizio di una forma di concorrenza sleale e così costituirsi parte civile.
Fonte: Il Sole – 24 Ore, p. 37 – Danno patrimoniale, l’Ordine è parte civile
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Attiva subito il tuo sito web