Martedì 15 giugno 2010

Criterio forfettario per la determinazione dei crediti svalutati fiscalmente

a cura di: eDotto S.r.l.
Un problema che le imprese che si sono trovate in difficolta' nel corso del 2009 devono affrontare, in sede di compilazione del modello di dichiarazione dei redditi, e' il recupero crediti, che spesso si traduce in una vera e propria perdita da registrare contabilmente e fiscalmente. Nei rendiconti del 2009, per effetto della citata crisi economica, sono fortemente aumentate le svalutazioni di crediti e le sopravvenienze a fronte di abbuoni o sconti concessi a sostegno della clientela in difficolta'. Dopo la chiusura del bilancio, dunque, e' importante la fase della determinazione dell'imponibile in vista del versamento del primo acconto di Unico 2010. Le perdite su crediti che derivano dall'insolvenza del cliente, la cui rilevazione comporta il preventivo utilizzo del fondo accantonato di anno in anno ai sensi dell'articolo 106 del Tuir, devono essere registrate fiscalmente attraverso la compilazione del quadro RS di Unico SC 2010. In particolare, i righi interessati vanno dall'RS90 all'RS108. Specificatamente, quelli da RS103 a RS108 sono dedicati ai soggetti diversi dagli enti creditizi, finanziari e assicurativi che sono obbligati ad esporre le svalutazioni dei loro crediti con gli accantonamenti operati in bilancio, evidenziando la loro parte deducibile. Infatti, i crediti garantiti da pegno e ipoteca vanno considerati nella commisurazione della deduzione forfettaria. Si considera cioe' un metodo forfettario che si riferisce all’insieme di tutti i crediti iscritti in bilancio, senza tener conto dell’effettivo grado di esigibilita'. Secondo quanto previsto dall’articolo 106 del Tuir, quindi, si riconosce la deducibilita' di una quota dei crediti che si riferisce complessivamente e indistintamente all’intero ammontare dei crediti svalutabili. La svalutazione che puo' essere ammessa ai fini fiscali non puo' eccedere il limite annuo dello 0,50% del valore dei crediti, purche' l’ammontare dedotto complessivamente non ecceda il 5% dei crediti stessi. Se in un anno l’ammontare delle svalutazioni e degli accantonamenti supera, nel corso dell’esercizio, il tetto del 5%, la parte eccedente concorre a formare la base imponibile dell’esercizio in questione sotto forma di sopravvenienza attiva.
Fonte: Il Sole 24 Ore – Norme e tributi, p. 36 – Crediti svalutati a sconto parziale – Odorizzi
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Attiva subito il tuo sito web