Venerdì 6 maggio 2011

Correttezza ed efficienza alla base dell’azione di controllo degli ispettori del Fisco

a cura di: eDotto S.r.l.
Con una lettera datata 5 maggio 2011 e inviata a tutto il personale dell’agenzia delle Entrate, il direttore, Attilio Befera, ha ricordato il rispetto dei principi di correttezza ed efficienza che devono essere alla base dell’azione di accertamento fiscale.

Come pochi mesi fa, lo stesso direttore si era complimentato con i propri dipendenti per gli eccellenti risultati conseguiti dall’Agenzia nell’attività di recupero dell’evasione fiscale; allo stesso modo, ora, si è trovato nella condizione di intervenire di nuovo per specificare quali comportamenti il Fisco deve privilegiare per favorire il raggiungimento del citato obiettivo e quali, invece, deve condannare perché in grado di vanificare la stessa azione di accertamento.

A fronte delle numerose segnalazioni ricevute, Befera ha, dunque, esortato il personale ad agire con correttezza, richiamando ciascuno alle proprie responsabilità e ribadendo che “l’azione di controllo può rivelarsi realmente efficace solo se è corretta”. “E – aggiunge - non è tale quando esprime arroganza o sopruso o, comunque, comportamenti non ammissibili nell’ottica di una corretta e civile dialettica tra le parti”. Di fronte a tali atteggiamenti, anzi, scaturirebbe soltanto “un devastante danno di immagine”, che finirebbe per associare “l'azione del fisco a quella di estorsori”.

Da un punto di vista pratico, quindi, “se un accertamento non ha solido fondamento, non va fatto e se da una verifica non emergono fatti o elementi concreti da contestare, non è corretto cercare a ogni costo pseudoinfrazioni formali da sanzionare solo per evitare che la verifica stessa sembri essersi chiusa negativamente. Insomma, se il contribuente ha dato prova sostanziale di buona fede e di lealtà nel suo rapporto con il Fisco, ripagarlo con la moneta dell’accanimento formalistico significa venire meno a un obbligo morale di reciprocità, ed essere perciò gravemente scorretti nei suoi confronti”.

Di fronte a comportamenti di tale genere si dovranno applicare pesanti sanzioni, nessuna esclusa.

A ricordare il rischio di sanzioni per gli ispettori del Fisco che eccedono nel loro ruolo, anche il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti. In occasione della conferenza stampa, tenutasi ieri a Palazzo Chigi per la presentazione del Dl Sviluppo, il Ministro ha preannunciato la pubblicazione di una prossima circolare con cui verranno annunciate le sanzioni da applicare nel caso gli ispettori del Fisco esagerino con i controlli.
Fonte: http://rassegnastampa.mef.gov.it
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS