Venerdì 28 marzo 2003

CONDONO INVIM NON AMMESSO SE INCREMENTO DI VALORE E' PARI A ZERO (RIS. 74/E)

a cura di: C.V.A Consulting S.a.S - tuttofisco.it
L'articolo 11 della legge finanziaria per il 2003 (modificato dall'articolo 5-bis, lettera e), del decreto legge n. 282/2002, convertito con modificazioni dalla legge n. 27/2003) riguarda, tra l'altro, il condono dell'imposta comunale sull'incremento di valore degli immobili (Invim). Infatti, prevede la definizione agevolata, con il pagamento della sola maggiore imposta, senza sanzioni e interessi, degli incrementi di valore degli immobili. Tuttavia il condono non è ammesso se l'incremento di valore è pari a zero. Questo è quanto emerge dalla risoluzione n. 74/E del 26 marzo 2003. A differenza delle altre imposte indirette (quale, ad esempio, l'imposta di registro, per la quale la base imponibile è costituita dal valore del bene o del diritto oggetto dell'atto da registrare che non può mai essere, pertanto, uguale a zero), nell'Invim il calcolo dell'incremento di valore può portare a un imponibile uguale a zero. In questo caso, non è possibile la definizione agevolata ex articolo 11, comma 1, della legge finanziaria.
Fonte: FISCOoggi
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report