Giovedì 10 marzo 2011

Compensazioni lato contribuenti. Dubbi e rischio di sanzioni elevate in caso di errori

a cura di: eDotto S.r.l.
La fase sperimentale relativa alla riforma delle compensazioni, introdotta dall’articolo 31 del Dl 78/2010, è giunta alla conclusione. Il Decreto dell’Economia 10 febbraio 2011 è approdato in “Gazzetta Ufficiale” e le Entrate hanno diramato una risoluzione che ha istituito il codice tributo da indicare nel modello “F24-Accise” (risoluzione n. 18/E/2011).

Di fatto, però, il nuovo regime delle compensazioni tra crediti e debiti erariali è rimasto “congelato” nei primi due mesi del nuovo anno ed ora che si sta avvicinando la terza scadenza, del 16 marzo 2011, i contribuenti si trovano a fare i conti con una materia tutt’altro che chiara.

Di fronte all'incertezza, si alza la protesta soprattutto dei professionisti.

Francesco Distefano, vicepresidente del Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, ritiene inaccettabile la situazione attuale dato che se il contribuente sbaglia è tenuto a pagare sanzioni molto pesanti, senza essere messo però nelle condizioni di conoscere le interpretazioni ufficiali dell’Amministrazione finanziaria. Non ci si spiega perché, se le nuove regole sono state finora condivise dall’agenzia delle Entrate, si debba ancora attendere per avere la circolare ufficiale.

Riguardo alle sanzioni, essendo la materia vasta e articolata è facile che si possano commettere degli errori e, in tal caso, il prezzo da pagare è molto elevato. La norma sancisce espressamente che: per le compensazioni con crediti inesistenti fino a 50mila euro scatta una sanzione dal 100% al 200%; per le compensazioni con crediti inesistenti per importi superiori a 50mila euro per anno solare, la sanzione è pari al 200%; per le compensazioni in presenza di debiti iscritti a ruolo di importo superiore a 1.500 euro, per i quali è scaduto il termine per il pagamento, la sanzione è pari al 50%.

Inoltre, anche se il contribuente decidesse di ravvedersi spontaneamente la situazione non sarebbe molto diversa. Si deve ricordare che dal 1° febbraio 2011 sono più alte le sanzioni e che, dall’inizio dell’anno, sono dovuti anche gli interessi dell’1,5%, a partire dal giorno successivo alla scadenza del pagamento fino al giorno in cui si paga con il ravvedimento. Fino al 31/12/2010, gli interessi legali erano fissati all’1%.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Attiva subito il tuo sito web