Mercoledì 10 ottobre 2012

CdM: varata la stabilita'

a cura di: eDotto S.r.l.
Il CdM approva la legge di stabilità. A fronte dell’aumento dell’Iva, del riordino di alcune agevolazioni e della tassazione di redditi non tassati in precedenza, scatterà il primo (timido) taglio dell’Irpef.

Se è vero, infatti, che i redditi da 0 a 15mila euro e da 15mila a 28mila euro trovano, nel testo della legge, la diminuzione di un punto percentuale delle prime due aliquote Irpef - che diventano 22 e 26 per cento dal 1° gennaio 2013 - è vero anche che:

- le aliquote Iva del 10 e del 21 per cento aumenteranno di un punto percentuale, arrivando rispettivamente all’11 e 22%;

- sulle pensioni di guerra e di invalidità si pagherà l’Irpef;

- saranno previsti tagli alla sanità, con un'ulteriore riduzione della spesa per l'acquisto di beni e servizi e dispositivi medici.

Ma le voci della manovra riguardano anche la "fase due" della spending review, la proroga della detassazione per la produttività, un fondo per gli esodati, i tempi di pagamento della pubblica amministrazione (30 giorni).

Torna in auge la Tobin Tax, la tassa sulle transazioni finanziarie, da cui restano esclusi i titoli di Stato. Si tratta di una tassazione il cui imponibile è rappresentato dall'entità dell'operazione e non dall'utile. Dovrà essere stabilita dalla commissione europea, che in una bozza di un anno fa prevedeva un’aliquota dello 0,1% sulle azioni e le obbligazioni e dello 0,01% sui derivati. Infine, dovrà essere approvata da una maggioranza qualificata dell'Ecofin.

Se poi dovessero emergere risorse disponibili sarebbero utilizzate per finanziare misure finalizzate alla riduzione del cuneo fiscale e contributivo.

L’approvazione del CdM ha riguardato anche la riforma del titolo V della Costituzione, che riguarda i rapporti tra Stato e Regione; il motivo nelle parole del presidente Monti: “Il nostro governo si è dedicato al compito di prendere misure per accrescere la competitività dell'Italia e rimuovere alcuni impedimenti strutturali, ma abbiamo riscontrato che un ostacolo tra i molti risiede in alcuni particolarità istituzionali, in particolare alcuni aspetti del Titolo V della Costituzione”.
Fonte: http://www.corriere.it
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali