Lunedì 23 novembre 2009

Appalti in corso: la valutazione delle rimanenze varia a seconda della durata del contratto

a cura di: eDotto S.r.l.
E' particolarmente delicato il tema dei lavori in corso a fine anno, pattuiti come oggetto unitario di durata contrattuale superiore a 12 mesi. Essi, infatti, vanno valutati in base ai corrispettivi pattuiti e non in base ai costi sostenuti. Dunque conta la durata stabilita contrattualmente, che deve essere indipendente da eventuali proroghe o sospensioni intervenute, a meno che non abbiano dato luogo ad una vera e propria modifica contrattuale con revisione della durata. Questa fattispecie di frequente riguarda i contratti di appalto per cui, in sede di chiusura del bilancio, le societa' interessate devono effettuare la corretta determinazione delle rimanenze. E, come anticipato, puo' risultare assai difficile la determinazione delle rimanenze di lavori in corso, dato che la loro valutazione fiscale e civilistica e' differente a seconda della durata contrattuale. Per i lavori di durata fino a 12 mesi (infrannuale), le rimanenze vengono valutate al costo, mentre per i lavori di durata oltre l’anno, le rimanenze vengono valutate in base alla percentuale di ricavo anticipato. Il discorso sulla corretta contabilizzazione di questa particolare tipologia di rimanenze e' stato affrontato anche dall’agenzia delle Entrate, con risoluzione n. 260/E del 22 ottobre scorso. La novita' maggiore riguarda lo Stato avanzamento lavori (Sal), un documento con cui viene accertato il grado di realizzazione dell’opera a una certa data. Ad ogni stadio del lavoro viene emesso il certificato di pagamento che accerta l’avanzamento dei lavori, che funge da garanzia per il risarcimento danni e per il pagamento dei contributi dei dipendenti impiegati in caso di mancati versamenti. Il metodo presuppone che l’impresa conosca a priori, in modo attendibile, il ricavo e il costo totale e sia anche in grado di rilevare correttamente i costi gia' sostenuti nell’esercizio per la produzione. Nel caso dei contratti di appalto, l’accettazione di singole tranche dell’opera – attraverso l’accettazione del relativo Sal – comporta l’accettazione della definitivita' del servizio, limitatamente a quella porzione di lavoro con il passaggio del rischio a carico del committente. Per quanto riguarda le imposte dirette, si rammenta che i costi si considerano sostenuti e i ricavi conseguiti al momento della definitiva accettazione dell’opera intera o dei suoi Sal, se accettati in modo definitivo.
Fonte: Il Sole 24 Ore – Norme e tributi, p. 4 – In bilancio piu` vincoli sugli appalti in corso – a cura di Odorizzi
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS