Mercoledì 6 ottobre 2010

Ancora mille dubbi da sciogliere per chi compie operazioni con i Paesi “black list”

a cura di: eDotto S.r.l.
Le date di partenza per gli obblighi di monitoraggio delle operazioni con Paesi black list sono ben chiare: dall'1 luglio 2010, tutte le operazioni effettuate nei confronti di operatori economici residenti o aventi sede in Stati a regime fiscale privilegiato vanno comunicate all'Agenzia delle entrate, telematicamente, entro l’ultimo giorno del mese successivo al periodo di riferimento; il 31 agosto doveva essere, quindi, il giorno della prima scadenza di questo nuovo adempimento. Di fatto, si e' lasciato piu' tempo agli operatori coinvolti, a causa delle molte incertezze che nel frattempo sono subentrate. Ora la data fissata per la prima presentazione dei modelli e' il 2 novembre prossimo. Se vi e' chiarezza sulla periodicita' da rispettare nell’effettuare la comunicazione telematica del modello - ogni trimestre per i soggetti che hanno realizzato, nei quattro trimestri precedenti e per ciascuna categoria di operazioni, un ammontare totale trimestrale non superiore a 50.000 euro; ogni mese per i soggetti che, invece, hanno superato tale ammontare - non si puo' dire altrettanto per altri aspetti, ugualmente importanti, dei nuovi obblighi anti-frode. Ad esempio, sono ancora da sciogliere alcuni dubbi riguardanti l’individuazione esatta dei Paesi rientranti nella cosiddetta “black list” o gli aspetti oggettivi e soggettivi sulle operazioni da segnalare e i soggetti obbligati. Riguardo al primo problema, e' da sottolineare che la legge fa esplicito richiamo a due distinti elenchi (Dm 4 maggio 1999 e Dm 21 novembre 2001) senza, pero', specificare come ci si debba comportare nel caso di Stati inclusi in una sola lista o in entrambe, ma con alcuni elementi di differenziazione. Lo scoglio da superare e' di capire se, ai fini della comunicazione, gli Stati nominati nel decreto ministeriale piu' recente, e non anche in quello del 1999, debbano considerarsi "black list" senza riserve o tali solo al manifestarsi di determinate condizioni, fissate dal Decreto. Il Servizio studi del Senato sembrerebbe condividere questa ultima conclusione; di parere opposto e' l’agenzia delle Entrate, che parrebbe piu' favorevole a considerare “black list” senza eccezioni tutti i Paesi citati nei due Dm. Il silenzio dell’Amministrazione finanziaria non aiuta. Si e' in attesa di una circolare in grado di sciogliere i nodi che affliggono la nuova disciplina. E l'urgenza e' acuita dalla circostanza che oramai manca veramente poco alla scadenza del primo obbligo di presentazione dei modelli.
Fonte: Il Sole 24 Ore - Norme e Tributi, p. 33 – Black list in cerca di istruzioni – Santacroce - fonte: www.mef.gov.it
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS