Giovedì 16 luglio 2009

Aliquota al 5 % per il nuovo scudo fiscale. Avvio prorogato a settembre

a cura di: eDotto S.r.l.
Un emendamento al decreto legge anti-crisi da' avvio, con partenza il 15 settembre prossimo, allo scudo fiscale. Nella formulazione definitiva, a eccezione della dichiarazione infedele e dell'omessa dichiarazione, nessun altro reato potra' piu' essere salvato. E non sara' possibile regolarizzare, senza rimpatriarle, le somme detenute in Paesi extra Ue aderenti allo spazio economico europeo. I due elementi qualificanti l’emendamento presentato in commissione Bilancio e Finanze alla Camera, sono l’aliquota complessiva del 5% e l’applicazione sulle attivita' finanziarie e patrimoniali detenute almeno al 31 dicembre 2008 o rimpatriate e regolarizzate dal 15 settembre 2009 e fino al 15 aprile 2010. L'imposta straordinaria sulle attivita' finanziarie e patrimoniali detenute all'estero sara' applicata su un rendimento lordo presunto in ragione del 2% annuo per i cinque anni precedenti il rimpatrio o la regolarizzazione, senza possibilita' di scomputo di eventuali perdite e con un'aliquota sintetica del 50% l'anno, comprensiva di interessi e sanzioni e senza diritto allo scomputo di eventuali ritenute e crediti. Come nel passato (2001), anche in questa occasione e' garantito l'anonimato: "il rimpatrio ovvero la regolarizzazione si perfezionano con il pagamento dell'imposta e non possono in ogni caso costituire elemento utilizzabile a sfavore del contribuente, in ogni sede amministrativa o giudiziaria, in via autonoma o addizionale". Una contabilita' speciale conterra' il gettito recuperato dal meccanismo di rimpatrio: "le maggiori entrate derivanti dallo stesso affluiscono ad apposita contabilita' speciale per essere destinate in conformita' con le indicazioni contenute nel Dpef per gli anni 2010-2013, all'attuazione della manovra di bilancio per l'anno 2010 e seguenti cosi' come previsto dall'articolo" sui flussi finanziari dell'anti-crisi. Sempre come nel 2001, e' pure garantita la non applicabilita' ad accertamenti per due anni. Per l'omessa dichiarazione di detenzione di investimenti e attivita' all'estero le sanzioni crescono, potendo variare dal 10 al 50%, ma e' esclusa la possibilita' di confisca. L'emendamento al decreto anticrisi per favorire il rientro dei capitali depositati all'estero e' a firma dei relatori Chiara Moroni e Maurizio Fugatti. Prima che divenga Legge dello Stato, lo scudo fiscale deve pero' ottenere il via libera dell’Europa. Un secondo emendamento porta nel dl anti-crisi anche le pensioni. Il titolare del Welfare, Maurizio Sacconi, annuncia: “una forma di stabilizzazione del sistema previdenziale in funzione dell'aspettativa di vita”. L’emendamento prevede infatti che “a decorrere dal 1° gennaio 2015 i requisiti di eta' anagrafica per l’accesso al sistema pensionistico sono adeguati all’incremento della speranza di vita accertato dall’Istat e validato da Eurostat con riferimento al quinquennio precedente”. Spiega il Ministro come sia una “sorta di una piccola finestra mobile, sostanzialmente impercettibile per le persone”. Alessia Lupoi 
Fonte: Corriere della Sera, p. 1 – Si` a scudo fiscale e pensioni
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali