Il network di AteneoWeb
Home Registrazione gratuita
username / email: password:
password dimenticata?
il carrello è vuoto
stampa

pdf

rss

rss

Martedì 11/01/2011

Dal 2011 cambiano le regole delle compensazioni dei crediti con il modello F24

a cura di: eDotto S.r.l.

 
IN EVIDENZA
CALCOLO COMPENSO CTU CONTABILE E ISTANZA LIQUIDAZIONE COMPENSO.
pubblicato il 08/10/2009, 795 Kb, a cura di: Studio Meli S.r.l.
ANALISI DI BILANCIO
pubblicato il 12/10/2004, 1 Kb, a cura di: Studio Meli e Studio Manuali
MEMORIE DIFENSIVE SU CONTRADDITTORIO IN ACCERTAMENTO DA `VECCHIO` REDDITOMETRO
pubblicato il 11/07/2013, 309 Kb, a cura di: Studio Dott. Alvise Bullo
GESTIONE CARTELLE E AVVISI DI PAGAMENTO
pubblicato il 02/02/2011, 1 Kb, a cura di: AteneoWeb S.r.l.
altri strumenti utili...
L’operazione di rimpatrio dei capitali detenuti illegittimamente all’estero si è definitivamente conclusa lo scorso 31 dicembre 2010. Entro tale data, coloro che non erano riusciti a regolarizzare la loro posizione entro lo scorso 30 aprile potevano risolvere le cosiddette “cause ostative”.

Ora rimane da ottemperare ad un solo ultimo compito: procedere con il recupero dell’imposta straordinaria, versata in misura eccedente rispetto al dovuto, per regolarizzare le attività finanziarie e patrimoniali detenute all’estero.

La risoluzione n. 107/2010 dell’agenzia delle Entrate ha chiarito le modalità di recupero di tale imposta straordinaria, ammettendo la possibilità di compensare, tramite il modello F24, le somme eventualmente pagate in eccesso per aderire allo scudo fiscale, sia nel caso in cui il surplus derivi dalla restituzione dell’imposta al contribuente da parte dell’intermediario, sia quando scaturisca da semplici errori nei versamenti. Di tali compensazioni si dovrà dare indicazione nel modello del sostituto d’imposta (modello 770). I codici da utilizzare – secondo quanto fissato da Assofiduciaria – sono: il n. 8107, per l’imposta sui rimpatri e il numero 8108, per l’imposta sulle regolarizzazioni.

La compensazione in F24 deve poi osservare alcuni vincoli:
 
- i crediti devono risultare dalle dichiarazioni; dunque, si dovrà attendere i primi versamenti del 2011 per effettuare la compensazione dei crediti che si sono formati nel 2010;
- la compensazione può essere fatta anche senza aspettare la presentazione del modello 770/2011;
- il limite massimo dei crediti d’imposta che può essere compensato in F24 è pari a 516.456,90 euro, per ciascun anno solare.

Infine, vi è da ricordare anche un ultimo vincolo, che vale a decorrere dal 1° gennaio 2011 e che è stato introdotto dal Dl 78/2010. Si tratta del divieto di compensare i crediti in F24 relativi alle imposte erariali fino a concorrenza dell’importo dei debiti, di importo superiore a 1.500 euro, iscritti a ruolo per imposte erariali e accessori e per i quali è scaduto il termine di pagamento. In caso di inosservanza del divieto, si applica la sanzione del 50%.

Tale condizione, che opera in relazione all'anno di formazione del credito e all'ammontare compensato vale per tutte le compensazioni dei credi, anche quelle dei crediti annuali Iva, e dovrà essere rispettata fin dal primo appuntamento del 2011. A questo si aggiunge anche l’altro obbligo, secondo cui la compensazione orizzontale del credito Iva annuale o infrannuale, per importi superiori a 10.000 annui, può essere effettuata solo dal giorno 16 del mese successivo a quello di presentazione della dichiarazione da cui il credito emerge, utilizzando esclusivamente i servizi telematici messi a disposizione dal Fisco.

Di fronte a questa stretta sulle compensazioni, che si è delineata nel corso del 2010 ad opera del decreto legge n. 78 (manovra estiva), molte associazioni di categoria sono intervenute per far fronte alle numerose incertezze incorse e che riguarderanno i nuovi appuntamenti di quest’anno. In particolare, dal giorno dopo la prima scadenza del 2011 (cioè il prossimo 17 gennaio), molti contribuenti si troveranno a fare i conti con i nuovi vincoli, con il rischio di notevoli appesantimenti degli oneri burocratici degli intermediari verso le imprese presso cui esercitano la loro consulenza.

Per evitare tutto ciò, numerose associazioni di categoria stanno inviando delle lettere ai propri associati per invitarli a controllare puntualmente la propria situazione fiscale, così da poter evitare ogni responsabilità collegata “all’indebito utilizzo di crediti”. Dalla Cna fanno sapere che la lettera che è stata inviata a tutte le proprie sedi territoriali, “evidenzia proprio la necessità di consentire a tutti gli intermediari di visionare i ruoli non pagati in carico ai propri clienti, ovviamente dietro espressa delega”. La soluzione prospettata per il superamento di questo ostacolo, secondo le associazioni di impresa, sarebbe quella di rendere disponibile nel cassetto fiscale una informazione aggiuntiva relativa ai ruoli non pagati.


 
Rimani sempre aggiornato, seguici sui principali social network!
AteneoWeb su Facebook AteneoWeb su LinkedIn AteneoWeb su Twitter AteneoWeb su Google+ AteneoWeb su Blogspot
 
LE 30 PAROLE PIU' CERCATE SU QUESTO SITO NEGLI ULTIMI 30 GIORNI
ricorso fiscali gestione bilancio irap spese immobili modello ici mod foglio unico antiriciclaggio detrazioni software auto leasing lavoro affitti cud calcolo professionisti paga accertamento fiscale cessione irpef iva f24 contratto
NEWS e RASSEGNA STAMPA - Area Fiscale

  area legale   area lavoro

»Oggi 04:58

Definita l`intesa internazionale per superare il segreto bancario
A Berlino, nell`ambito del Global Forum on Transparency and Exchange of Information for Tax...

»Oggi 04:58

Telefonia: concessione e canone vanno pagati alla stessa scadenza
La tassa governativa e' dovuta con riferimento al numero dei mesi considerati in ciascuna bolletta,...

»Oggi 04:58

Minibond: dal prossimo 7 novembre le piccole e medie imprese possono presentare le domande per la fruizione
Dal prossimo 7 novembre le piccole e medie imprese potranno iniziare a presentare le domande...

»Oggi 04:58

Il nuovo principio contabile OIC 19: Debiti
Nell`ambito del progetto di aggiornamento dei principi contabili nazionali, sul sito internet...

»Ieri

Omessa allegazione del P.V.C. all`atto impositivo: modello di ricorso
Abbiamo pubblicato alcuni modelli di ricorso (in estratto) utili per formulare alcune eccezioni...

»Ieri

Modelli di ricorso con "eccezioni preliminari" in offerta speciale
Abbiamo pubblicato alcuni modelli di ricorso (in estratto) utili per formulare alcune eccezioni...

»Ieri

Fondo per la crescita sostenibile: esaurite le risorse finanziarie disponibili. Chiuso dopo soli 2 giorni il bando per ottenere le agevolazioni
Lo scorso 25 luglio 2014 e` stato firmato il decreto del Direttore generale per gli incentivi...

»Ieri

Cassetto fiscale delegato: scade domani il termine per gli intermediari abilitati che intendono aderire
Il "Cassetto fiscale delegato" e` il servizio dell`Agenzia delle Entrate tramite il quale gli...

»Ieri

Mancata presentazione della dichiarazione fiscale? Se la `colpa` e` del commercialista le sanzioni a carico del contribuente sono illegittime
La C.T.P. di La Spezia si e` espressa in tema di `cause di non punibilita'` delle sanzioni tributarie...
  Ultima settimana:
 

tutte le notizie...   

Non ricevi le nostre newsletter?
Newsletter AteneoWeb ISCRIVITI QUI

Info Legali e Privacy |  Carta dei Servizi |

© 2001 AteneoWeb® s.r.l. - Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy - staff@ateneoweb.com
c.f. e p.iva 01316560331 - Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n° 01316560331 - Capitale sociale 20.000,00 € i.v.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info - Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003 - Direttore responsabile: Riccardo Albanesi.
Periodico iscritto alla Unione Stampa Periodici Italiana

Progetto, sviluppo software, realizzazione grafica AI Consulting S.r.l.