Il network di AteneoWeb
Home Registrazione gratuita
username / email: password:
password dimenticata?
il carrello è vuoto
Cerca
stampa

pdf

rss

rss

Leggi articolo: IL RAVVEDIMENTO OPEROSO PER IL RITARDATO INVIO DELLE COMUNICAZIONI DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO RICEVUTE - Approfondimento area fiscale del 06/09/2011

Martedì 06/09/2011

IL RAVVEDIMENTO OPEROSO PER IL RITARDATO INVIO DELLE COMUNICAZIONI DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO RICEVUTE

a cura di: Meli e Associati

Obbligo per i cedenti o prestatori, che emettono fattura senza applicazione dell'imposta sul valore aggiunto nei confronti degli esportatori abituali, di comunicare in via telematica all'Agenzia delle entrate, entro il giorno 16 del mese successivo, i dati contenuti nelle dichiarazioni d'intento ricevute.
 
DOCUMENTI CORRELATI
IL RAVVEDIMENTO
pubblicato il 18/04/2003, 0 Kb, a cura di: Studio Meli S.r.l.
altri strumenti utili...
Il comma 381 dell'articolo 1 della finanziaria 2005 ha integrato l'articolo 1, comma 1, lettera c) del decreto legge 29 dicembre 1983, n. 746, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 1984, n. 17, introducendo l'obbligo per i cedenti o prestatori, che emettono fattura senza applicazione dell'imposta sul valore aggiunto nei confronti degli esportatori abituali, di comunicare in via telematica all'Agenzia delle entrate, entro il giorno 16 del mese successivo, i dati contenuti nelle dichiarazioni d'intento ricevute.
All'articolo 7 del d.lgs. 18 dicembre 1997, n. 471 (concernente le sanzioni amministrative applicabili alle violazioni relative alle esportazioni) il comma 4-bis, prevede che il cedente/prestatore che non invii la comunicazione nei termini prescritti o la invii con dati incompleti o inesatti " e' punito con la sanzione prevista nel comma 3" che a sua volta dispone che "chi effettua operazioni senza addebito d'imposta, in mancanza della dichiarazione d'intento..., e' punito con la sanzione amministrativa dal 100% al 200% per cento dell'imposta, fermo l'obbligo del pagamento del tributo. Qualora la dichiarazione sia stata rilasciata in mancanza dei presupposti richiesti dalla legge, dell'omesso pagamento del tributo rispondono esclusivamente i cessionari, i committenti e gli importatori che hanno rilasciato la dichiarazione stessa".
E' inoltre previsto che "chiunque omette di inviare, nei termini previsti, la comunicazione..., o la invia con dati incompleti o inesatti, e' responsabile in solido con il soggetto acquirente dell'imposta evasa correlata all'infedeltà' della dichiarazione ricevuta".

Con circolare 16 marzo 2005, n. 10, par. 9.3, si e' chiarito che nell'ipotesi di omessa, incompleta o inesatta comunicazione della dichiarazione d'intento e contemporanea assenza di operazioni senza addebito d'imposta, non si applica la sanzione di cui al comma 4-bis dell'articolo 7 bensì quella prevista dall'articolo 11, comma 1, lettera a) del d.lgs. n. 471 del 1997 (sanzione da 258 euro a 2.065 euro per l'omissione di ogni comunicazione prescritta dalla legge tributaria). Ovviamente in tale circostanza, in assenza di evasione d'imposta, la responsabilità solidale di cui al comma 384 non rileva.

La circolare n. 41/E del 26/09/2005, al paragrafo 5.5, consente espressamente di regolarizzare l'omessa o errata comunicazione d'intento attraverso l'istituto del ravvedimento operoso di cui all'articolo 13 del Dlgs 472/1997. Pertanto, una volta decorso il termine per inviare la comunicazione il cedente/prestatore, sempre che non siano iniziati accessi, ispezioni, verifiche, di cui abbia avuto formale conoscenza, può avvalersi del ravvedimento, inviando la comunicazione precedentemente omessa ovvero la comunicazione corretta e versando la sanzione ridotta (oggi) a 1/8 del minimo. La misura della sanzione ridotta è pari a 32,25 euro (1/8 di 258,00) in assenza di forniture all'esportatore abituale; oppure il 12,5% dell'Iva non applicata alle forniture effettuate nei confronti dell'esportatore, con un minimo di 32.25 euro.
Il termine per la regolarizzazione è di un anno e il codice tributo della sanzione è "8904".

E' di tutta evidenza come la sanzione prevista, anche in caso di ravvedimento per ritardato invio della comunicazione, risulti spropositata. Un errore puramente formale (il ritardo nell'invio di una comunicazione), pur in presenza di una operazione sostanzialmente corretta (e peraltro soggetta ad altri adempimenti fiscali regolarmente eseguiti: compilazione e invio della dichiarazione d'intento da parte del cliente, ricezione e registrazione della dichiarazione ricevuta da parte del fornitore), viene punito con una sanzione dal 100% al 200% di una imposta NON evasa.
Tuttavia, con buona pace dello Statuto dei diritti del contribuente (Legge 27 luglio 2000, n. 212, pubblicata sulla G.U. 31.7.2000, n. 177), all'articolo 10 prevede "Le sanzioni non sono comunque irrogate quando la violazione dipende da obiettive condizioni di incertezza sulla portata e sull'ambito di applicazione della norma tributaria o quando si traduce in una mera violazione formale senza alcun debito di imposta, l'Agenzia delle Entrate con circolare 41/E/2005 collega il sanzionamento del mancato o non tempestivo invio telematico della dichiarazione d'intento al fatto che tale comportamento può incidere negativamente sulle attività di controllo, negando pertanto l'assimilazione alle violazioni meramente formali non soggette a sanzione.

Raccomandiamo quindi la massima attenzione.
Dott. Franco Confalonieri


 
Rimani sempre aggiornato, seguici sui principali social network!
AteneoWeb su Facebook AteneoWeb su LinkedIn AteneoWeb su Twitter AteneoWeb su Google+ AteneoWeb su Blogspot
 
APPROFONDIMENTI - Area Fiscale

  area legale   area lavoro

STUDI DI SETTORE: SEGNALAZIONE DELLE ANOMALIE E REGOLARIZZAZIONE
»Venerdì 31/07
STUDI DI SETTORE: SEGNALAZIONE DELLE ANOMALIE E REGOLARIZZAZIONE
LO 'SCHOOL BONUS'; IL CREDITO D'IMPOSTA PER CHI FA DONAZIONI
»Mercoledì 29/07
LO "SCHOOL BONUS"; IL CREDITO D'IMPOSTA PER CHI FA DONAZIONI
Legge 13 luglio 2015, n. 107 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale 15 luglio 2015, n. 162.
REGNO UNITO: UN ALGORITMO DIGITALE CONTRO L'EVASIONE FISCALE
»Giovedì 23/07
REGNO UNITO: UN ALGORITMO DIGITALE CONTRO L'EVASIONE FISCALE
Un sistema matematico e una piattaforma statistica per la definizione dei livelli di rischio sono le principali funzionalità.
LA CAPITALIZZAZIONE DEGLI ONERI RELATIVI ALLA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO
»Mercoledì 22/07
LA CAPITALIZZAZIONE DEGLI ONERI RELATIVI ALLA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO
Il Consiglio nazionale dei commercialisti, con il contributo della Commissione per lo studio dei principi contabili nazionali presieduta dal prof. Capodaglio, ha emanato il secondo documento della serie dedicata agli approfondimenti tecnico-applicativi sui principi contabili nazionali.
ESECUZIONI IMMOBILIARI: SOSPENSIONE DEI TERMINI PROCESSUALI E SALDO PREZZO
»Mercoledì 22/07
ESECUZIONI IMMOBILIARI: SOSPENSIONE DEI TERMINI PROCESSUALI E SALDO PREZZO
AVVISI DI ACCERTAMENTO: LA CONSULTA RIBADISCE L'OBBLIGO DI RISPETTARE IL TERMINE DEI 60 GIORNI
»Mercoledì 15/07
AVVISI DI ACCERTAMENTO: LA CONSULTA RIBADISCE L'OBBLIGO DI RISPETTARE IL TERMINE DEI 60 GIORNI
Giunge un'altra conferma in merito all'obbligo, da parte dell'Ufficio, di rispettare il termine perentorio dei 60 giorni, prima di poter emettere qualunque avviso di accertamento, anche se emesso ai sensi del 37-bis, comma 4, DPR 600/1973 (Disposizioni antielusive). E, questa volta, è una conferma di quelle che non si possono discutere.
GASOLIO AUTOTRASPORTATORI: RIDUZIONE ACCISE 2 TRIMESTRE 2015
»Lunedì 29/06
GASOLIO AUTOTRASPORTATORI: RIDUZIONE ACCISE 2 TRIMESTRE 2015
TRUST: ATTO SIMULATO O AZIONE REVOCATORIA?
»Lunedì 29/06
TRUST: ATTO SIMULATO O AZIONE REVOCATORIA?
Il Tribunale accoglie la revocatoria ma nega che un trust, in cui il disponente figuri tra i beneficiari e abbia il potere di revocare il trustee, possa essere considerato interposto.
UNA LEGGE SU PREMI E RICOMPENSE
»Lunedì 22/06
UNA LEGGE SU PREMI E RICOMPENSE
Considerato che le sanzioni, pur se sistematicamente inasprite, dimostrano di non essere un adeguato deterrente nei confronti dei cittadini disonesti, pare lecito domandarsi se non potrebbe tornare, viceversa, utile una legge concernente delle ricompense per i contribuenti virtuosi.
  Ultimo mese:
 

tutti gli articoli...   

ARCHIVIO
»Martedì 16/06
In Scadenza Il Termine Per Le Rivalutazioni Di Terreni E Partecipazioni
»Lunedì 15/06
Marketing E Privacy: I Diritti Del Consumatore
»Venerdì 12/06
Il Modello Aa9/12 - Partita Iva Persone Fisiche
»Lunedì 01/06
Gli Studi Di Settore Per I Redditi 2014
»Venerdì 29/05
L'importo Del Diritto Camerale 2015
»Giovedì 28/05
Trust E Azione Revocatoria
»Giovedì 28/05
Aerei, Traghetti, Treni E Autobus. Quali Diritti Se Il Passeggero Rinuncia Al Viaggio?
»Mercoledì 27/05
Agevolazioni Per La Nascita E Lo Sviluppo Di Società Cooperative Di Piccola E Media Dimensione (nuova Marcora)
»Lunedì 25/05
Per La Cassazione Le Scelte D'impresa Sono Insindacabili
»Mercoledì 20/05
Un Memorandum Per Il Visto Di Conformità Per I Professionisti
»Martedì 19/05
Il Ravvedimento Operoso 2015

altro...

Info Legali e Privacy |  Carta dei Servizi |

© 2001 AteneoWeb® s.r.l. - Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy - staff@ateneoweb.com
c.f. e p.iva 01316560331 - Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331 - Capitale sociale 20.000,00 € i.v.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info - Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003 - Direttore responsabile: Riccardo Albanesi.
Periodico iscritto alla Unione Stampa Periodici Italiana

Progetto, sviluppo software, realizzazione grafica AI Consulting S.r.l.