Mercoledì 24 giugno 2015

Domanda costitutiva e domanda dichiarativa - Cass. Civ. Sez. Un. n.12310/2015

a cura di: Studio Legale Campana
Avevo trattato dell'ordinanza interlocutoria n.2096 del 30 gennaio 2014 di rimessione ex art. 374 c.p.c. al Primo Presidente da parte della II Sezione Civile della Corte di Cassazione affinchè le Sezioni Unite si pronunciassero sul quesito dedotto nel primo motivo del ricorso che, per comodità, riporto nel punto saliente:

"dica la S.C. se la domanda diretta ad ottenere l'esecuzione specifica dell'obbligo di contrarre ai sensi dell'art. 2932 c.c. è diversa dalla domanda di accertamento del trasferimento della proprietà per petitum e causa petendi e se, quindi, la modifica della domanda dall'una all'altra costituisce mera emendatio libelli o vera e propria mutatio libelli.".

Con la sentenza n. 12310 del 15 giugno 2015 la Suprema Corte ha composto in contrasto giurisprudenziale enunciando il principio secondo il quale  la modificazione della domanda ammessa ex art. 183 cod. proc. civ. può riguardare anche uno o entrambi gli elementi oggettivi della stessa ("petitum" e "causa petendi"), sempre che la domanda così modificata risulti comunque connessa alla vicenda sostanziale dedotta in giudizio e senza che, perciò solo, si determini la compromissione delle potenzialità difensive della controparte, ovvero l'allungamento dei tempi processuali. 

Ne consegue l'ammissibilità della modifica, nella memoria ex art. 183 cod. proc. civ., dell'originaria domanda formulata ex art. 2932 cod. civ. con quella di accertamento dell'avvenuto effetto traslativo.

La sentenza in commento ribalta il principio enunciato da una precedente sentenza (n.d.r. n.1731 del 1996 emessa sempre a Sezioni Unite) la quale aveva composto il contrasto in senso negativo, statuendo che la domanda di accertamento del trasferimento - in  luogo della originaria domanda costitutiva ex art. 2932 c.c. - dovesse considerarsi una mutatio libelli e non una semplice emendatio libelli.

Ora la Suprema Corte - nel solco dell'orientamento giurisprudenziale anteriore al 1996 (cfr. ex multis Cass. Civ. n.11840/1991, Cass. Civ. n.6740/1987 e Cass. Civ. 1788/1983) - è tornata sul punto ed ha sviluppato la fattispecie, con una pregevole e approfondita motivazione anche teorica ed esegetica dell'art. 183 c.p.c..

Nel presente abstract, per ragioni di sintesi, non è agevole condensare in poche righe le dotte motivazioni espressa dalla Corte. 

La Suprema Corte ha statuito - con un procedimento logico giuridico assai articolato - che la "modificazione" ammessa non possa ridursi ad una mera precisazione della domanda o addirittura ad una mera diversa qualificazione giuridica del fatto costitutivo del diritto ma una legittima "messa a fuoco" della domanda, nel rispetto dei tempi processuali  (della barriere preclusive) e della altrui difesa (sempre nell'alveo della medesima vicenda sostanziale dedotta o comunque ad essa collegata e connessa).

Inoltre la domanda "modificata" non si aggiunge alla domanda iniziale ma la sostituisce, realizzando "... la concentrazione nello stesso processo e dinanzi allo stesso giudice delle controversie aventi ad oggetto la medesima vicenda sostanziale...", rispettosa sia dell'economia processuale sia della ragionevole durata del processo.

Fonte: http://blog.avvocatocampana.com
AUTORE:

Avv. Luca Campana

Avvocato
Studio Legale Campana
L’avvocato Luca Campana si è diplomato al Liceo Scientifico “Paolo Frisi” di Monza e poi si è laureato in giurisprudenza – nell’ottobre 1997 – all’Università degli Studi di Milano. Nell’ottobre...
2001 (alla prima sessione utile dopo il compimento della pratica forense) ha conseguito l’abilitazione all’esercizio della professione forense presso la Corte d’Appello di Milano.
Nel novembre 2001 si è iscritto all’Ordine degli Avvocati di Monza.

Dal marzo 1998 al dicembre 2003 ha collaborato con uno dei principali studi legali di Monza, divenendo – nel gennaio 2004 – associato e Senior Partner.
In tale contesto l’avvocato Campana ha maturato una significativa esperienza professionale, assistendo enti, banche, assicurazioni e primarie società di capitali.
Nel gennaio 2011 l’avv. Luca Campana ha creato un proprio studio legale con sede principale in Monza (e sede secondaria in Milano) ove esercita – con soddisfazione – la professione di avvocato.
Dal gennaio 2012 l’avvocato Luca Campana è anche of Counsel (nel campo del diritto civile e societario) dello studio “Balestreri & Associati” di Milano, boutique law firm specializzata in diritto amministrativo.
Dall'aprile 2014 l'avvocato Campana è abilitato al patrocinio presso la Corte di Cassazione e giurisdizioni superiori.

Specializzazioni
Le competenze dell’avvocato Luca Campana s’incentrano, prevalentemente, nel settore del diritto civile con peculiare approfondimento del diritto commerciale e societario, del diritto bancario, del diritto fallimentare, del Real Estate e della contrattualistica d’impresa.
DOCUMENTI IN EVIDENZA:

Documenti correlati:

Altri approfondimenti

tutti gli approfondimenti

Gli approfondimenti più letti

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS