CAF 730 - diventa un centro di raccolta - Clicca per maggiori informnazioni!
Mercoledì 21 dicembre 2016

Pensione impignorabile? No, la pensione può essere sottoposta a sequestro penale

a cura di: Studio Legale Mancusi

La pensione può essere sottoposta a sequestro penale in quanto il divieto di pignorabilità dei trattamenti pensionistici o ad essi assimilati opera solo nel processo esecutivo e non può operare quando le somme siano state corrisposte all'avente diritto e siano confuse nel suo restante patrimonio.

E' quanto ha stabilito la Corte di Cassazione, Sezione III penale, con la sentenza del 25 ottobre 2016, n. 44912, mediante la quale ha rigettato il ricorso e confermato quanto già deciso dalla Corte d'appello di Napoli con apposita ordinanza.

La vicenda
La pronuncia traeva origine dal FATTO che  con ordinanza del 8 settembre 2015 il Tribunale di Napoli ha respinto la richiesta di riesame presentata da TIZIO nei confronti della ordinanza del Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Napoli del 13 luglio 2015, con cui era stato disposto il sequestro preventivo e per equivalente dei beni del richiedente fino alla concorrenza della somma di euro 96.327.534,80, in relazione al reato di associazione a delinquere di carattere transnazionale finalizzata alla commissione di truffe aggravate in danno della SIAE ed alla evasione fiscale.

I motivi di ricorso
Avverso tale ordinanza ha proposto ricorso l'imputato affidato a tre motivi.
Per quanto è qui di interesse, l'imputato con il terzo motivo ha denunciato violazione di legge in relazione agli articoli 321 bis cod. proc. pen. e 545 cod. proc. civile, per l'errata esclusione della impignorabilità dei propri trattamenti pensionistici, nonostante l'espresso divieto in tal senso contenuto nell'articolo 545 codice procedura civile (crediti impignorabili).

La decisione
La Corte di Cassazione, chiamata a pronunciarsi, mediante la citata sentenza n. 44912/2016, ha ritenuto infondati i motivi ed ha rigettato il ricorso.

Preliminarmente si rappresenta che il Procuratore Generale nella requisitoria scritta aveva rilevato la fondatezza del terzo motivo, in ragione della impignorabilità dei quattro quinti degli emolumenti, e dunque anche dei trattamenti pensionistici, reputando irrilevante l'accredito di tali somme sui conti bancari del beneficiario.

Sostiene la Suprema Corte che in riferimento al terzo motivo di ricorso, il Tribunale ha escluso la sussistenza di tale divieto, sulla base del rilievo che "il sequestro era stato eseguito su somme di denaro depositate in banca, su un conto corrente di cui l'indagato era titolare, assimilabili al denaro contante, evidenziando che il divieto di cui il richiedente assumeva la violazione riguarda un credito avente un oggetto alimentare, tanto da essere contemplato dalla disciplina della esecuzione presso terzi, e che dopo il pagamento il denaro perde la sua causa e diviene pignorabile".

Tali considerazioni risultano del tutto condivisibili, in quanto, come sottolineato dal Tribunale, "il divieto stabilito dall'art. 545 cod. proc. penale, che limita la pignorabilità ad un quinto dei trattamenti pensionistici o ad essi assimilati, riguarda il processo esecutivo, ed è posto a tutela dell'interesse di natura pubblicistica consistente nel garantire al pensionato i mezzi adeguati alle proprie esigenze di vita (Corte di Cassazione, Sezione III Civile, n. 6548 del 22/03/2011), evitando che possano essergli sottratti prima della corresponsione, ma non può, evidentemente, operare al di fuori di tale processo, né, soprattutto, quando le somme erogate a titolo di pensione siano state corrisposte all'avente diritto e si trovino confuse con il suo restante patrimonio".

Nella specie il ricorrente non ha dedotto alcunché né circa l'entità del suo patrimonio mobiliare, né a proposito dell'ammontare dei suoi depositi bancari, né della sua pensione, con la conseguenza che la deduzione circa l'impignorabilità di quest'ultima (rectius, nella specie, insequestrabilità) risulta del tutto generica, avendo perso l'invocata natura pensionistica la somma corrisposta al creditore, a seguito del suo accredito (da epoca non precisata) sul conto corrente bancario del creditore.

Ne consegue l'infondatezza anche di tale motivo di ricorso, per la qual cosa il ricorso deve essere integralmente respinto.

Fonte: http://www.avvocatoamilcaremancusi.com
AUTORE:

Avv. Amilcare Mancusi

Avvocato
Studio Legale Mancusi
Dopo gli studi umanistici, ha conseguito la Laurea in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi Federico II di Napoli discutendo una tesi sull'autonomia ed indipendenza della Magistratura. Ha conseguito...
l'abilitazione professionale presso la Corte di Appello di Salerno.
E' iscritto all'Albo degli Avvocati di Nocera Inferiore dal 1992, e ha svolto la sua attività dapprima in collaborazione con altro studio legale nel quale si è formato, e poi nel suo studio ubicato a Sarno (Sa).
Lo studio offre consulenza ed assistenza legale in Diritto di Famiglia (separazioni, divorzi, riconoscimento figli, affidamento, eredità, interdizione) e in Diritto Civile (recupero crediti, condomino, locazioni, obbligazioni, contrattualistica) con particolare riguardo alla Responsabilità Civile.
Si occupa inoltre di controversie in materia di Diritto Amministrativo.
Lo Studio Legale Mancusi opera prevalentemente presso gli Uffici Giudiziari del distretto di Salerno (Tribunali Ordinari, Corti d'Appello, e Tribunali dei Minori) e nel corso degli anni ha instaurato una fattiva e duratura collaborazione professionale con molti Studi Legali ubicati su tutto il territorio nazionale.
Ha attivato un sito professionale e di informazione giuridica: www.avvocatoamilcaremancusi.com – Punto di Diritto
Unitamente all'esercizio della professione, si è impegnato in politica e nella Pubblica Amministrazione rivestendo i ruoli di Consigliere Comunale dal 1995 e per più mandati prima, di Sindaco della sua città dal 2004 al 2014 e di assessore alla Provincia di Salerno dal 2012 al 2014. E' stato Vicepresidente prima e Presidente poi della Agroinvest S.p.a., Società di trasformazione urbana della Patto dell'Agro.
Crede nell'impegno sociale, per la promozione nel territorio della cultura e della solidarietà. E' Vicepresidente della Proloco di Sarno e componente della A.M.C.I. (Associazione Medici Cattolici italiani) di Nocera-Sarno.
Colleziona penne ed orologi a carica manuale ed automatici e nel tempo libero pratica il running.
DOCUMENTI IN EVIDENZA:

Documenti correlati:

Altri approfondimenti

tutti gli approfondimenti

Gli approfondimenti più letti

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS