Mercoledì 3 giugno 2009

SCISSIONE IMPONIBILE IRAP E RICORSI IN IRAP PROFESSIONISTI / IMPRENDITORI INDIVIDUALI

a cura di: Studio Dott. Alvise Bullo
Anche la recentissima sentenza della Corte di Cassazione n. 12653 del 28 maggio 2009 dà ragioni alle tesi da sempre espresse.

La forma di difesa e quindi la strategia processuale che permette ad ogni autonomo di potersi difendere prende il nome di "scissione" dell'imponibile IRAP.
Giova specificare che la stessa rappresenta una forma di difesa condivisa dal CNDCEC e quindi può esplicare molta importanza nei contenziosi IRAP.

Non va sottaciuto che la stessa può utilizzarsi assieme ad altre tecniche difensive (così come l'assenza di organizzazione, professionista con CED, ecc.) attraverso l'utilizzo delle c.d. istanze subordinate.
Recentemente i Supremi Giudici hanno ribadito l'importanza della "scissione" dell'imponibile IRAP con la sentenza n. 12653 del 28 maggio 2009. Infatti a detta dei Supremi Giudici: "Non è soggetto ad IRAP la parte (scissione dell'imponibile IRAP, n.d.A.) di ricavo netto risultante dall'attività di amministratore di società..". La Circolare n. 2/IR del Consiglio Nazionale DCEC del 5 giugno 2008 ha stabilito quanto segue:" Da ultimo, si segnala che, secondo il Supremo Collegio, sono esclusi da IRAP i compensi incassati da un dottore commercialista che ha ricoperto la carica di consigliere di amministrazione in una banca1 in quanto, pur trattandosi di un'attività riconducibile a quella professionale, la stessa, isolatamente considerata, non ha richiesto l'intervento di un'organizzazione.
Sulla base delle sintetiche motivazioni della Suprema Corte, appare plausibile ricostruire un principio in virtù del quale, sulla base del combinato disposto degli artt. 2 e 3 del D.Lgs. 446/1997, sia possibile "scindere" nella base imponibile IRAP i compensi che necessitano, per la loro produzione, dell'intervento di un'organizzazione (da assoggettare ad IRAP), e quelli derivanti dalle sole capacità professionali del singolo, come nel caso dei compensi percepiti per la partecipazione a convegni, per la redazione di articoli e pareri, fino ad arrivare a quelli percepiti in ragione di incarichi di sindaco e di arbitro (non soggetti ad imposta)2.


In questo senso si segnala anche la sentenza dei Supremi Giudici n. 10594 del 9 maggio 2007, la sentenza della CTP di Ancona n. 63 del 3/4/'08, la Circolare n. 2/IIR dei DCEC del 5 giugno 2008 e il punto di vista espresso in prestigiose Riviste (A. Bullo, "IRAP, compenso per il C.d.A. scissione della base imponibile IRAP", in La Settimana Fiscale n. 36, del 2 ottobre 2008, da pag. 29, A. Bullo, IRAP DAY "scissione" dell'imponibile fiscale, in La Settimana Fiscale n. 29/'07, da pag. 34. A. Bullo, IRAP: principi espressi dall'Istituto di ricerca del Consiglio Nazionale D.C.E.C., da pag. 28; A. Bullo, "IRAP DAY" pronuncia unitaria della Cassazione, in La Settimana Fiscale, n. 1/2007, da pag. 38).
Pertanto, il contribuente potrà isolare quella parte del suo reddito (o valore aggiunto prodotto) che non poggia sulla sua eventuale autonoma organizzazione e su detta circostanziata parte pretendere la non debenza del tributo.
Si pensi al seguente banale esempio: Dottore commercialista (svolgente attività di contabilità, con due impiegate) e con valore aggiunto prodotto pari ad E. 130.000 di cui 45.000 E. derivante da attività di convegnistica. Giocoforza che i 45.000 E li può produrre solo il titolare (in questo senso Cass. 8834 del 14.4.2009) e in via autonoma (posto che l'attività di convegni dipende solo dal know how del professionista, dal saperci fare, ecc.) e pertanto, quantomeno su 45.000 E (c.d. scissione dell'imponibile IRAP), l'IRAP non sarà dovuta.

Per agevolare il lavoro dei Professionisti che volessero richiedere il rimborso dell'IRAP dovuta, su questo sito internet sono disponibili:

Istanza per rimborso IRAP Professionisti con applicazione della c.d. scissione dell'imponibile IRAP e delle c.d. istanze subordinate
Modello di istanza per la richiesta del rimborso dell'IRAP pagata da parte del libero professionista con applicazione della c.d. scissione dell'imponibile IRAP e delle c.d. istanze subordinate.

Ricorso per rimborso IRAP Professionisti con applicazione della c.d. scissione dell'imponibile IRAP e delle c.d. istanze subordinate
Modello di ricorso per la richiesta del rimborso dell'IRAP pagata da parte del libero professionista con applicazione della c.d. scissione dell'imponibile IRAP e delle c.d. istanze subordinate. Leggi la scheda per dettagli.

Dott. Alvise Bullo

Note:
1.Formulata nelle sentenze della Cassazione n. 10594 dell'8 febbraio 2007 e nella successiva Comm. trib. prov. Ancona n. 63 del 3 aprile 2008.
2.Cfr. anche Comm. trib. prov. Ancona n. 63 del 3 aprile 2008.

AUTORE:

Dott. Alvise Bullo

Dottore Commercialista e Revisore Legale.
Studio Dott. Alvise Bullo
Docente per la Scuola Superiore dell’Economia e delle Finanze in materia di diritto tributario e in particolare in riferimento al contenzioso tributario. Da agosto 2008 componente della Commissione...
"contenzioso e accertamento tributario" presso il Consiglio Nazionale DCEC a Roma in materia di contenzioso tributario.

Collabora con La Settimana Fiscale, Il Sole 24 Ore, Contabilità Finanza e Controllo (gruppo Il Sole 24 Ore), Il Fisco, Finanza & Fisco, Quaderni Eutekne, Il Commercialista Veneto, GT Ipsoa, Pratica Fiscale, Il Corriere Tributario, Fiscalitax ed altre riviste.

Svolge attività di convegnistica (in materia di contenzioso tributario) in tutta Italia nell’ambito della formazione continua per DCEC, con Eutekne, nell’ambito della Commissione contenzioso e accertamento tributario presso CNDCEC, nell’ambito dei Convegni Nazionali Notarili, presso scuole di formazione professionale, presso gli artigiani, ecc.
Altri utenti hanno acquistato

Altri utenti hanno acquistato

Altri approfondimenti

tutti gli approfondimenti

Gli approfondimenti più letti

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS