Martedì 14 ottobre 2003

Riforma del lavoro: cosa cambia per le collaborazioni occasionali e per le co.co.co.

a cura di: AteneoWeb S.r.l.
E' stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale , in data 9 ottobre 2003 (supplemento ordinario n. 159)il Decreto di attuazione della Legge Biagi che attua la riforma del lavoro (decreto legislativo n. 276 del 10 settembre 2003); entrerà quindi in vigore dal 24 ottobre prossimo. Sono previste importanti novità anche per le collaborazioni coordinate e continuative e per quelle occasionali.
Il Decreto di attuazione della Legge Biagi che attua la riforma del lavoro (decreto legislativo n. 276 del 10 settembre 2003) è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale , in data 9 ottobre 2003 (supplemento ordinario n. 159) ed entrerà in vigore il 24 ottobre prossimo (15 giorni dopo la pubblicazione in G.U.). Tra le numerose e sostanziali modifiche apportate sono previste importanti novità anche per le collaborazioni coordinate e continuative e per quelle occasionali. Le collaborazioni coordinate e continuative sono state oggetto, negli ultimi anni, di numerosi interventi dal punto di vista previdenziale e fiscale. L'obbligo del contributo previdenziale a carico dei titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa nasce dalla riforma Dini (art. 2, comma 26, legge 8 agosto 1995, n. 335) che prescrisse per questi soggetti l'obbligo di iscrizione ad una gestione separata INPS con l'imposizione contributiva pari al 10% (di cui 2/3 a carico del committente e di 1/3 a carico del collaboratore). La finanziaria 1998 (art. 52, comma 16, legge 27 dicembre 1997, n. 449) tornò poi sul tema differenziando l'aliquota contributiva: . i soggetti pensionati o già iscritti presso fondi previdenziali obbligatori rimasero al 10% . mentre per i soggetti previdenzialmente scoperti si passò al 14% e fu previsto un graduale incremento dell'aliquota fino al tetto del 19%. Nel recente passato, la Finanziaria 2003 (art. 44, comma 6, legge Legge n. 289 del 27 dicembre 2002) stabilì, per i soggetti che percepiscono redditi da pensione previdenziale diretta, l'incremento dell'aliquota contributiva dal 10% al 12,5% (15% dall'01/01/2004). Ora, la Finanziaria 2004 (nella sua versione attuale che potrebbe subire modifiche) prevede, come ulteriore novità, che l'onere contributivo per i collaboratori coordinati e continuativi sia assimilato a quello previsto per i commercianti. Sotto l'aspetto fiscale invece, a decorrere dal 1° gennaio 2001, per effetto delle modifiche introdotte dalla Legge Finanziaria per il 2001, il reddito dei collaboratori coordinati e continuativi viene trattato con le stesse regole previste per i lavoratori dipendenti: . le detrazioni d'imposta sono le stesse che spettano per il lavoro dipendente; come pure i "fringe benefit" (autovetture in uso promiscuo, ecc...) e le indennità di trasferta. . si applica il "principio di cassa allargata", che determina il reddito annuo sulla base di quanto percepito entro il 12 gennaio dell'anno successivo; Queste regole non subiranno alcuna modifica per effetto della riforma Biagi. I cambiamenti non riguarderanno infatti il trattamento fiscale né quello previdenziale quanto piuttosto la definizione stessa di collaborazione che dovrà essere riconducibile a uno o più progetti specifici, o programmi di lavoro, o fasi di esso. Il nostro Staff ha già pubblicato una sintesi delle novità per i rapporti di collaborazione: il documento è prelevabile gratuitamente nell'area Documenti (clicca QUI per accedere). Nella stessa sezione sono inoltre disponibili altri strumenti di lavoro per l'impresa ed il professionista: - il contratto di collaborazione a progetto (in Word modificabile) - il foglio elettronico excel per la gestione della busta paga del collaboratore a progetto. - la ricevuta compensi per prestazione occasionale - il contratto di collaborazione occasionale Vi ricordiamo che per chiarire tutti gli aspetti della riforma Biagi è disponibile sul nostro sito internet, anche un nuovo servizio di RISPOSTA A QUESITI (clicca QUI per accedere).
AUTORE:

AteneoWeb

AteneoWeb S.r.l.
Altri utenti hanno acquistato

Altri utenti hanno acquistato

Altri approfondimenti

tutti gli approfondimenti

Gli approfondimenti più letti

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report