Venerdì 4 maggio 2012

Perché è importante nei momenti critici avere una vision

a cura di: Dott. Mario Alberto Catarozzo
Guardate quello che sta succedendo oggi nel nostro Paese. Siamo in piena crisi economica. Ma non solo.
Potremmo aggiungere anche una crisi culturale, generazionale, morale. Il periodo storico richiede sacrifici. E a questo in fondo siamo tutti capaci. Come hanno fatto le precedenti generazioni faremo anche noi. C'è da rimboccarsi le maniche, ok, ci siamo. C'è da rifondare intere parti dell'economia, ok, ci siamo.

Perché le nuove generazioni dovrebbero essere da meno dei nostri padri e dei nostri nonni, quelli che hanno affrontato il dopoguerra? Ci siamo anche noi, se è per questo. L'energia e la fantasia di certo non ci mancano e neppure lo spirito di sacrificio. E allora? Ciò di cui abbiamo bisogno oggi è la vision, la direzione. Abbiamo bisogno di buone ragioni per farli questi sacrifici. Queste i nostri nonni le avevano; sapevano che stavano costruendo l'Italia del dopoguerra; sapevano che domani sarebbe stato meglio di oggi. Ciò che stiamo patendo noi in questo pessimismo cosmico che pare avvolgere tutto e tutti è proprio questa mancanza di una direzione, il sapere che dietro al sacrificio ci sarà qualcosa di buono, per noi e per i nostri figli. Non siamo più sicuri che domani sarà meglio di oggi. Anzi.

In ogni attività avere una direzione è fondamentale, così come avere l'ottimismo di chi lavora per costruire e non solo per sopravvivere. Le persone possono fare cose incredibili, se lo vogliono fare. E per volerlo fare ciascuno di noi ha bisogno di sapere perché (non eziologico, ma finalistico) lo deve fare, a pro di che. Deve sapere verso cosa sta muovendo.

La motivazione che riempie di forza le nostre azioni risiede proprio negli scopi che ci poniamo, negli obiettivi che vogliamo raggiungere. Quando le idee sono chiare nasce dentro un'energia inesauribile. Sappiamo perché e sappiamo verso dove. Tanto ci basta. Il come lo troveremo sicuramente.

Abbiamo bisogno di "vedere" dove stiamo andando, di poterlo anticipare col pensiero. Abbiamo bisogno di inquadrare le nostre azioni in uno scenario che per noi abbia un senso. Pensate ai grandi personaggi della storia che hanno affrontato difficoltà e raggiunto risultati straordinari. Cosa li ha spinti a tanto? Cosa li ha mantenuti saldi sui loro propositi durante il percorso? Cosa gli ha permesso di rialzarsi quando erano esausti? La profonda, ardente motivazione per ciò che stavano facendo. La profonda convinzione di fare qualcosa di giusto per loro e per i loro cari. La focalizzazione verso il risultato. Sapevano cosa stavano facendo e dove volevano arrivare e tanto gli bastava.

È questo senso di futuro, di direzione verso cui ancorare le nostre azioni, questa visione positiva che ciò che stiamo facendo ha un senso e non si perde nel nulla che serve recuperare. Sono queste le rotaie su cui possiamo far viaggiare i nostri sacrifici; su cui spendere il nostro tempo in modo costruttivo per un futuro migliore giorno per giorno. Solo così tutto può riprendere ad avere un senso e quella realtà appiattita dall'ansia ritrovare la profondità delle situazioni e il gusto di starvici dentro a rigenerare le batterie per ripartire verso nuovi progetti.

Belle parole, direte voi. Beh, sono queste che muovono il mondo prima di trasformarsi in azioni. Cosa può fare ciascuno di noi nel suo piccolo? Ritrovare nella propria attività la sua direzione, la sua motivazione, il suo senso. Coinvolgere chi lavora per noi e con noi. Farlo sentire parte attiva di un progetto più grande in cui ha un ruolo. Di un bel progetto. Di un bellissimo progetto! Che voi siate un professionista, un imprenditore, un manager, un impiegato.

Già, in concreto ogni giorno ciò che possiamo fare è questo: alzarci con l'idea che abbiamo ancora il nostro progetto da realizzare. Che abbiamo bisogno degli altri per realizzarlo e che gli altri hanno bisogno di noi per realizzare il loro. E ciò fa sentire stupendamente bene, perché tutto è ancora davanti a noi!

Fonte: http://www.mariocatarozzo.it
AUTORE:

Dott. Mario Alberto Catarozzo

Trainer - Personal & Business Coach
Dott. Mario Alberto Catarozzo
Mario Alberto Catarozzo, laureato in giurisprudenza, ha una lunga esperienza come formatore e relatore sui temi della comunicazione, negoziazione, leadership, crescita personale e professionale. Ha esperienza...
come manager presso importanti strutture del mondo editoriale e della comunicazione dedicate al settore degli studi professionali.
Svolge attività di Formatore e Coach in corsi e seminari tenuti sia in aula che in house presso gli studi professionali e le aziende.
È Coach con certificazione internazionale della Society of NLP di Richard Bandler (USA), con specializzazione “Team” e “Life” conseguite presso la NLP Italy Coaching School.
Ha due livelli di specializzazione in PNL (Programmazione Neuro Linguistica), Practitioner e Master Practitioner, conseguiti presso la NLP Italy Coaching School.
Altri utenti hanno acquistato

Altri utenti hanno acquistato

Altri approfondimenti

tutti gli approfondimenti

Gli approfondimenti più letti

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS