Lunedì 29 dicembre 2003

La nuova Srl: una società più agile, e "modellabile su misura"

a cura di: AteneoWeb S.r.l.
a cura del Dr. Stefano Andreani
In ossequio ai principi stabiliti dalla legge delega (semplificare la disciplina delle società, ampliare gli ambiti dell'autonomia statutaria, adeguare la disciplina dei modelli societari alle esigenze delle imprese), il D. L.vo 17/1/2003 n. 6 porta a organico compimento il processo di "alleggerimento" della regolamentazione delle società di capitali, in atto già da qualche anno. Le rilevanti e sostanziali modifiche al codice civile, in vigore dal prossimo 1/1/2004, rendono la Srl più moderna e duttile, e ampliano enormemente l'autonomia dei soci nella predisposizione dei patti sociali; nel "confezionare" tali patti si potranno infatti da un lato utilizzare quasi tutti gli istituti propri della SpA, dall'altro applicare praticamente per intero la normativa sulle società di persone nonché, infine, prevedere qualsiasi mix di tali disposizioni. Sottolineiamo qui di seguito le novità di maggior rilievo a) Costituzione, apporti e quote di partecipazione Non è più previsto (anche se è sempre possibile farlo) lo statuto come documento separato dall'atto costitutivo; è possibile prevedere una durata illimitata della società; non vanno più versati i 3/10 ma il 25% dei conferimenti in denaro (sostituibili da fidejussione bancaria o assicurativa); oltre a tali modifiche, che appaiono di modesto valore sostanziale, in sede di costituzione è ora possibile: - indicare solo il comune nel quale ha sede la società, con la conseguenza che per il trasferimento della sede all'interno dello stesso comune non sarà più necessaria l'assemblea straordinaria; - prevedere l'apporto di prestazioni lavorative o di servizi, com'è attualmente per le società di persone (tale apporto dovrà essere garantito da polizza fidejussoria ovvero dal versamento del corrispondente importo in denaro); - prevedere che le quote di partecipazione siano di entità diversa dai conferimenti effettuati, purché il totale degli apporti coincida col totale delle quote: di un capitale di 200, i soci A, B e C possono conferire rispettivamente 20, 60 e 120, e le quote di partecipazione essere stabilite p.es. nel 30, 20 e 50%; - in caso di conferimento, il perito è nominato non dal Tribunale ma dalla stessa società, ed è stata eliminata la verifica successiva, da parte degli amministratori, entro 180 giorni dalla iscrizione della società; - sono più dettagliatamente previsti, ed è data ampia possibilità di stabilirne i termini, i vincoli al trasferimento delle quote e la clausola di gradimento. b) Diritti e doveri dei soci Sono aumentate le fattispecie previste dal codice civile che danno diritto al recesso, e ulteriori ne possono essere stabilite dallo statuto, p.es. in correlazione ai limiti al trasferimento delle quote; è possibile prevedere cause di esclusione per giusta causa dei soci. Possono essere attribuiti ad alcuni soci particolari diritti relativi alla distribuzione degli utili ovvero all'amministrazione (diritto ad una quota degli utili in prededuzione, diritto di nomina di uno o più amministratori, ecc.), indipendentemente dall'entità della quota posseduta. c) Assemblee, amministrazione e controllo Il potere di amministrazione può essere attribuito a uno o più amministratori, ma anche lasciato ai soci, sia congiuntamente che disgiuntamente, esattamente come accade per le società di persone. Le decisioni dei soci e degli amministratori possono essere prese sia in sede di assemblea o consiglio (tenuto di persona o in videoconferenza), sia (salvo specifiche eccezioni) mediante consultazione scritta, con piena libertà di stabilire le relative procedure; specialmente nelle Srl familiari o a ristretta base partecipativa ciò significa non dover più predisporre verbali di assemblee molto spesso inesistenti, risultando invece sufficiente la sottoscrizione della delibera. E' stata estesa a tutti i soci la facoltà di avviare l'azione di responsabilità nei confronti degli amministratori, facoltà prima riservata solo ai soci titolari di minoranze qualificate; di converso non è più possibile, non essendo richiamata per la Srl la relativa norma dettata per le SpA, il ricorso del socio al Tribunale. d) Altre disposizioni E' consentita anche alle Srl l'emissione di titoli di debito (sostanzialmente analoghi alle obbligazioni), senza limitazioni di importo; tali titoli potranno però essere sottoscritti soltanto da investitori istituzionali, investitori che resteranno responsabili dell'insolvenza della società in caso di trasferimento a terzi dei titoli medesimi. Con tali limiti appare estremamente improbabile una larga diffusione di tali strumenti, ma questo potrebbe costituire un primo passo verso la possibilità anche per le Srl di finanziarsi, se non presso il pubblico, quantomeno presso investitori diversi dalle banche. Va infine segnalata l'istituzione di particolari limitazioni alla restituzione dei finanziamenti dei soci, se effettuata nell'anno precedente il fallimento della società: qualora i soci, "in momenti di eccessivo squilibrio finanziario" della società abbiano concesso ad essa finanziamenti, la restituzione di tali finanziamenti nell'anno anteriore al fallimento è postergata rispetto al pagamento degli altri creditori. Considerando che per quasi tutte le società italiane l' "eccessivo squilibrio finanziario" è la situazione normale, bisognerà porre a questa norma un'attenzione particolare. e) Le valutazioni preliminari da effettuare in fase di costituzione Stante l'enorme libertà ed elasticità sopra illustrata viene di fatto a mancare, al momento della costituzione, un modello di "Srl standard" che funga da punto di riferimento. Per essere sicuri di sfruttare appieno le possibilità offerte dalla legge appare quindi indispensabile, prima di predisporre i patti sociali, individuare con la maggior precisione possibile le caratteristiche della società costituenda, con particolare riferimento all'attività svolta ed ai rapporti fra i soci e fra essi e gli amministratori; ciò consentirà di predisporre uno statuto che sia effettivamente "tagliato su misura" per le esigenze di soci e dell'attività che la società intende svolgere. Clicca QUI per accedere allo speciale La riforma del diritto societario pubblicato nostro catalogo documenti (sezione "Società e impresa") nel quale potrete trovare documenti, articoli e schede di sintesi relativi alla riforma ed in particolare gli statuti della SPA e della SRL dopo la riforma del diritto societario: gli statuti sono predisposti in versione "a eliminare", ovvero sono state evidenziate tutte le possibilità di deroga alla legge e previste svariate possibili opzioni; in calce sono riportati il testo integrale del D. L.vo 17/1/2003 n. 6 ("Riforma organica della disciplina delle società di capitali e società cooperative") ed altre norme rilevanti ai fini della predisposizione dello statuto. Vi ricordiamo che è disponibile sul nostro sito internet, anche un servizio di RISPOSTA A QUESITI (clicca QUI per accedere).
AUTORE:

AteneoWeb

AteneoWeb S.r.l.
Altri utenti hanno acquistato

Altri utenti hanno acquistato

Altri approfondimenti

tutti gli approfondimenti

Gli approfondimenti più letti

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS