Venerdì 14 febbraio 2014

Il "maquillage" sugli aiuti ‘de minimis' non risolve il tema del controllo della soglia

a cura di: Dott. Massimo De Nardi e Dott. Luigi Arrica
Con la pubblicazione - sulla Gazzetta ufficiale dell'Unione europea del 24 dicembre 2013 - del Regolamento (UE) n. 1407/2013 della Commissione, si è conclusa la revisione del Regolamento (CE) n. 1998/2006 portante applicazione degli aiuti di importanza minore (cosiddetti de minimis). La revisione, che ha seguito il formale percorso indicato nel Regolamento (CE) n. 994/98 del 1998, non ha consentito di superare alcune delle più significative perplessità che taluni Paesi membri avevano sollevato a normativa (pre)vigente. Più in particolare, ci si riferisce a quanto osservato, con posizione del 27 maggio 2013, dal Dipartimento per le politiche europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri del nostro Paese, in tema di monitoraggio sugli aiuti; l'auspicio delle Autorità, infatti, era quello di veder istituito a tal fine un registro europeo mentre la Commissione ha diversamente concesso (art. 6, par. 2) l'istituzione di un registro centrale per ogni Stato membro, ferma restando - in ogni caso - l'attuale ed alternativa procedura informativo-preventiva da sottoporre alla impresa richiedente/beneficiaria (par. 1).

Inoltre, alla possibilità di includere nella soglia degli aiuti minori le spese per la sostituzione di veicoli da parte delle imprese di trasporto merci per conto terzi che, peraltro ed in via generale, hanno vista confermata la minore soglia massima di euro 100.000,00 (art. 3, par. 2, co. 2), alla determinazione del metodo residuale di ripartizione degli aiuti già concessi alla data di scissione societaria, prevedendo una suddivisione non eguale tra le beneficiarie ma in proporzione al "valore contabile" del capitale delle stesse alla data effettiva della scissione (metodo che appare, tuttavia, in linea con quanto previsto all'art. 173, co. 4, del "Tuir"), e alla precisazione terminologica tra aiuto "concesso" ed "erogato" in quanto termini che appaiono forieri di diverse interpretazioni con riflessi sul monitoraggio del massimale. Su tale ultimo punto, un chiarimento normativo avrebbe potuto risolvere - tra l'altro - il dubbio sull'effetto della rinuncia ad agevolazioni di aiuti concessi ma non (ancora) erogati e, quindi, di poterla qualificare come atto rettificativo del massimale beneficiato.

D'altro canto, alcune delle "nostre" osservazioni sono state recepite, in specie quelle sul mantenimento del massimale di euro 200.000,00 (anche se con la restrizione di non prevedere un meccanismo di adeguamento all'andamento inflazionistico, su cui anche "Confindustria" - nelle sue osservazioni del 9 settembre 2013 - aveva espresso auspicio) e sulla nozione di impresa unica. Relativamente a quest'ultima e sulla scia delle indicazioni della giurisprudenza della Corte di Giustizia Ue (C-382/99) in ordine alla inclusione di tutte le entità controllate (giuridicamente o di fatto) dalla stessa entità, la Commissione ha adottato un criterio di autonoma sufficienza di ognuna delle seguenti relazioni tra diverse imprese, anche per il tramite di una o più altre imprese: a) maggioranza dei diritti di voto; b) diritto di nomina o revoca della maggioranza dei membri del consiglio di amministrazione, direzione o sorveglianza; c) diritto di esercitare un'influenza notevole per clausola di contratto o statuto; d) controllo in virtù di accordo con altri soci (in Italia, si ritiene possa trattarsi dei "sindacati" o "patti parasociali") della maggioranza dei diritti di voto. La Commissione ha tratto fonte, per l'individuazione siffatta, dalla definizione di "imprese collegate" fornita dalla Raccomandazione 2003/361/CE della Commissione del 6 maggio 2003 (art. 3, par. 3) e dal Regolamento (CE) n. 800/2008 della Commissione del 6 agosto 2008 (art. 3, par. 3).

Il nuovo Regolamento de minimis, che resterà in vigore per un settennio (2014-2020), ha inoltre dedicato un intero articolo - il numero 4 - al "Calcolo dell'equivalente sovvenzione lordo" (o "ESL"), nel quale viene precisato, tra l'altro, che il fattore discriminante l'applicabilità o meno delle previsioni di cui al Regolamento medesimo è la possibilità di calcolare con precisione - ex ante - l'"ESL" senza che sia necessaria una valutazione dei rischi (cosiddetti "aiuti trasparenti"). Giova rammentare, a tal proposito, che gli aiuti de minimis attengono non solo a forme di sovvenzione diretta in denaro ma, altresì, a prestiti, garanzie, conferimenti e finanziamenti del rischio per i quali si rende comunque necessario determinarne l'ammontare.

Non è stato precisato cosa debba intendersi per esercizi finanziari utilizzati dall'impresa
Purtroppo, è stata persa un'importante occasione per apportare un miglioramento della definizione di "esercizio finanziario" quale unità di computo del triennio mobile. Infatti, nel Reg. n. 1998/2006 si faceva riferimento a quello adottato dall'impresa nello Stato membro, con ciò cagionando incertezza sia per quanto attiene alla individuazione del settore impositivo al quale riferirsi (ad esempio, Iva o imposte sul reddito) sia per quanto attiene alla durata dello stesso (si pensi, ad esempio e nell'ambito delle imposte sui redditi, ad una società neocostituita o trasformata), ed ora con il nuovo Regolamento è stata riproposta la medesima formulazione lessicale (art. 3, par. 5), anche se non risulta più alcuna esplicita menzione - tra i considerando (cfr. numero 9 del Reg. n. 1998/2006) - agli "esercizi finanziari utilizzati per scopi fiscali".

AUTORI:

Dott. Massimo De Nardi

Dottore Commercialista e Revisore Legale in Treviso
Dott. Massimo De Nardi e Dott. Luigi Arrica
Laureato in Economia nel 1999 presso l'Università Ca' Foscari di Venezia, indirizzo “Economia e legislazione per l’impresa”, è iscritto dall'anno 2005 all'Ordine dei Dottori Commercialisti e degli...
Esperti Contabili di Treviso. Dal medesimo anno è iscritto nel registro dei Revisori Legali dei conti.
Dopo una breve esperienza in azienda, abbraccia la professione di Dottore Commercialista, che esercita nella città di Treviso in proprio e in collaborazione con lo “Studio associato Vecchiato & Zambon”.
Si occupa prevalentemente di consulenza fiscale e societaria, con particolare vocazione nella fiscalità indiretta, nel contenzioso tributario e nelle operazioni straordinarie d’impresa.

Dott. Luigi Arrica

Dottore Commercialista, Revisore Legale e Difensore Tributario
Dott. Massimo De Nardi e Dott. Luigi Arrica
Laureato in Economia nel 2001, presso l’Università di Economia e Commercio di Sassari, si è formato nel settore della finanza d’impresa e della consulenza aziendale. Dal 2011 è iscritto all’albo...
dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Sassari, e nello stesso anno al registro dei Revisori Legali dei conti. Titolare dello Studio Commerciale Arrica, esercita l’attività professionale con particolare dedizione per la fiscalità d’impresa ed il contenzioso tributario.
DOCUMENTI IN EVIDENZA:

Documenti correlati:

Altri approfondimenti

tutti gli approfondimenti

Gli approfondimenti più letti

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report