Domenica 30 gennaio 2005

FINANZIARIA 2005: "Un freno alle vendite sotto costo"

a cura di: www.altalex.com
Alcuni dei principali accorgimenti contenuti nella Manovra Finanziaria per l'anno 2005 ed approvata recentemente, riguardano il tentativo di contrastare con maggiore efficacia la frode all'IVA comunitaria, realizzata, come è noto, tanto con le triangolazioni commerciali con l'estero (1), che attraverso le "False dichiarazioni d'intento" per gli acquisti effettuati sul territorio nazionale.

Come ho avuto modo di argomentare in altra occasione, la frode all'IVA, viene comunemente realizzata:

  1. importando la merce da una Paese comunitario, per poi rivenderla al dettagliante nazionale con uno "sconto" di circa il 20% sul prezzo di costo, pur emettendo regolare fattura di vendita;
  2. acquistando la merce sul territorio nazionale, in esenzione all'IVA, attraverso il rilascio di una "Dichiarazione d'intenti", con la quale si dichiara, sotto la propria personale responsabilità, di essere un "Esportatore abituale" e quindi abilitato ad acquisti in sospensione d'imposta.

In ambedue le fattispecie descritte, trattasi di una figura imprenditoriale creata ad arte, quale soggetto privo di una organizzazione logistico - imprenditoriale, appositamente inventato da Operatori economici al dettaglio, al solo fine di consentire a questi ultimi di evadere l'Imposta sul Valore Aggiunto attraverso acquisti sottocosto di circa il 20%.

Tale soggetto (prestanome e/o testa di legno), infatti, qualificatosi imprenditore "Import - Export" (rispettivamente per le due fattispecie descritte), nella realtà, è un soggetto sconosciuto al fisco, titolare della sola partita IVA, che non ha istituito alcuna contabilità e non presenta le Dichiarazioni annuali d'imposta.

Le novità introdotte nella Finanziaria, possono così sintetizzarsi:

  • La solidarietà nel pagamento dell'imposta da parte del cessionario della merce, allorquando il cedente non abbia corrisposto l'imposta relativa alle cessioni effettuate a prezzi inferiori al valore normale (vendite sottocosto) - comma 386 dell'articolo 1 (2);
  • L'obbligo di comunicazione, entro il 16° giorno del mese successivo, tutti gli elementi identificativi riguardanti la "Dichiarazione d'intenti" ricevuta dall'acquirente della merce dichiaratosi Esportatore abituale - Comma 381 dell'articolo 1 (3)

Coinvolgere l'acquirente della merce (Operatore economico al dettaglio) nella responsabilità tributaria verso l'Amministrazione Finanziaria - Solidarietà con il cedente nel pagamento dell'imposta - potrà rivelarsi vincente nell'azione di contrasto alle frodi in materia di Imposta sul Valore Aggiunto.

Ciò, per la semplice ragione che, nella generalità dei casi, il cessionario, acquistando la merce sottocosto (inferiore al valore normale), è ben consapevole di sostituire tale margine attraverso l'omesso versamento degli oneri tributari da parte del cedente.

Di estremo interesse, potrà rivelarsi inoltre l'analogo accorgimento riguardante la tempestiva conoscenza da parte della stessa Amministrazione Finanziaria, di coloro i quali, millantando la loro qualità di "Esportatori abituali", effettuano indebiti acquisti in sospensione d'imposta.

Sarà cura degli Organi ispettivi incrociare tali preziose informazioni con i contenuti dell'Anagrafe Tributaria, laddove potrà riscontrarsi la completa assenza delle Dichiarazioni e conseguenti versamenti d'imposta.

Con queste premesse, l'azione di contrasto all'evasione fiscale nel suo complesso, si rivelerà sicuramente più efficace che in passato.

Chi vivrà, vedrà.

di Giovanni Falcone
(Responsabile aziendale antiriciclaggio)



Note

(1) L'EVASIONE DELL'IVA NELLA TRIANGOLAZIONE COMMERCIALE CON L'ESTERO

(2) 386. Al decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, dopo l'articolo 60, è inserito il seguente:

«Art. 60-bis - (Solidarietà nel pagamento dell'imposta). - 1. Con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze, su proposta degli organi competenti al controllo, sulla base di analisi effettuate su fenomeni di frode, sono individuati i beni per i quali operano le disposizioni dei commi 2 e 3.

2. In caso di mancato versamento dell'imposta da parte del cedente relativa a cessioni effettuate a prezzi inferiori al valore normale, il cessionario, soggetto agli adempimenti ai fini del presente decreto, è obbligato solidalmente al pagamento della predetta imposta.3. L'obbligato solidale di cui al comma 2 può tuttavia documentalmente dimostrare che il prezzo inferiore dei beni è stato determinato in ragione di eventi o situazioni di fatto oggettivamente rilevabili o sulla base di specifiche disposizioni di legge e che comunque non è connesso con il mancato pagamento dell'imposta».

(3) 381. All'articolo 1, comma 1, lettera c), del decreto-legge 29 dicembre 1983, n. 746, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 1984, n. 17, è aggiunto il seguente periodo: «Nella prima ipotesi, il cedente o prestatore deve comunicare all'Agenzia delle entrate, esclusivamente per via telematica entro il giorno 16 del mese successivo, i dati contenuti nella dichiarazione ricevuta».

Vi ricordiamo che è disponibile sul nostro sito internet, anche un servizio di RISPOSTA A QUESITI (clicca QUI per accedere).
AUTORE:

Enrico Giannini

www.altalex.com
Altri utenti hanno acquistato

Altri utenti hanno acquistato

Altri approfondimenti

tutti gli approfondimenti

Gli approfondimenti più letti

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS