Martedì 28 ottobre 2014

Eccezioni preliminari agli atti impositivi

a cura di: Dott. Attilio Romano
Corretto esercizio del potere impositivo ed assoluto rispetto del contraddittorio nella fase amministrativa di accertamento dei presupposti dei recuperi a tassazione.
Abbiamo pubblicato alcuni modelli di ricorso (in estratto) utili per formulare alcune eccezioni preliminari (tra le più ricorrenti) che, se accolte dai giudici tributari, paralizzano l'efficacia della pretesa tributaria oggetto della impugnativa ancor prima della valutazione nel merito della questione proposta.

Mancanza di delega di firma
La mancata sottoscrizione da parte del Dirigente, capo dell'ufficio, rende nullo l'avviso di accertamento se la delega, conforme alla legge, non è allegata all'atto, ovvero esibita in giudizio. Il principio, da tempo consolidato dalla giurisprudenza della Corte di Cassazione, è recepito costantemente anche dai Giudici tributari secondo cui incombe sull'Amministrazione finanziaria l'onere di produrre una delega atta a dimostrare la valida sottoscrizione dell'avviso di accertamento.

Omessa allegazione del P.V.C. all'atto impositivo
La mancata allegazione del Processo Verbale di Constatazione all'avviso di accertamento può determinare la nullità dell'atto impositivo per assoluto difetto di motivazione. Secondo gli insegnamenti dei Giudici di Legittimità, infatti, la mancanza di qualsiasi allegazione probatoria in ordine alla sussistenza della pretesa tributaria può comportare l'accoglimento della opposizione di parte contribuente all'atto impositivo per difetto di prova in ordine agli elementi concreti in base ai quali si è proceduto alla determinazione dell'imposta accertata.

Insufficiente vaglio critico dell'ufficio al P.V.C.
Le risultanze dell'accertamento, quando derivano da indagini di polizia giudiziaria delegata non possono appiattirsi pressoché interamente, alle risultanze dell'organo investigativo. Il ricorso avverso l'accertamento eccepisce l'inesistenza dell'atto impositivo stante la violazione dell'art. 42, D.P.R. 29.09.1973, n. 600 e dell'art. 7, L. n. 212/2000. Approdi giurisprudenziali consolidati ritengono che le risultanze emergenti da un P.V.C., se non accompagnate da ulteriori elementi gravi, precisi e concordanti, non possano che essere valutate come presunzioni, o addirittura, indizi del tutto inidonei a suffragare l'esistenza di un maggiore reddito, soprattutto in assenza di una autonoma attività valutativa da parte dell'Ufficio accertatore.

Presunzioni semplicissime e motivazione dell'accertamento induttivo
Le informazioni acquisite dal computer dell'imprenditore o del professionista, rappresentative di una contabilità non ufficiale, costituiscono, in quanto scritture dell'impresa stessa, elemento probatorio, sia pur presuntivo, utilmente valutabile, a condizione però che ai documenti extracontabili rinvenuti vengano affiancate altre prove.
E' questo uno dei principi espressi dalla Corte di Cassazione secondo cui è necessario motivare la ricostruzione indiretta-presuntiva formulata in virtù del reperimento della documentazione extra contabile, anche mediante altri strumenti di accertamento in grado di rafforzare la valenza probatoria delle informazioni reperite extra-contabilmente, trattandosi queste ultime di presunzioni "semplicissime".

Nelle motivazioni difese ex art. 12, l. n. 212/2000 da valutare
L'atto d'imposizione tributaria deve contenere un'adeguata replica in grado di superare le deduzioni formulate dal contribuente: in mancanza, l'atto è radicalmente nullo per difetto di motivazione.
E' principio consolidato in giurisprudenza che le osservazioni ex art. 12, co. 5, l. n. 212/2000, impongono il funzionario verbalizzante ad un riesame critico del processo verbale di constatazione redatto dall'organo investigativo specificando nell'ambito delle motivazioni dell'atto di accertamento se, ed in quale misura, le doglianze di parte hanno avuto effetti sull'accertamento definitivo, ovvero le ragioni per le quali le stesse sono risultate irrilevanti agli stessi fini.

AUTORE:

Dott. Attilio Romano

Fiscalista e pubblicista tributario
Dottore commercialista, revisore legale e pubblicista svolge attività professionale nel settore della consulenza fiscale, tributaria e societaria. E' componente di collegi sindacali di S.p.A e S.r.l. Partecipante...
al Master Tributario IPSOA anno 1991-1992, fa parte del Comitato di Redazione della Rivista dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Siracusa.
Socio A.N.T.I. dal 2011, è autore, dal 1999, di pubblicazioni e studi in materia tributi e società.
Collabora con Quotidiani (Italia Oggi, Il Sole 24 Ore "Le Guide +") Riviste specializzate (Il Bollettino Tributario, il fisco, Corriere Tributario, Consulenza, La Settimana Fiscale, Ratio, eccetera) e network (Euroconference, Il Commercialista telematico, La lente sul fisco).

Altri approfondimenti

tutti gli approfondimenti

Gli approfondimenti più letti

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Attiva subito il tuo sito web