Giovedì 14 febbraio 2013

Decreto ministeriale 11 gennaio 2013: eco-incentivi per auto aziendali.

a cura di: Dr. Massimo Pipino
Quali sono le modalità con cui è possibile ottenere il contributo.
È stato emanato l'atteso decreto ministeriale che regola gli incentivi per l'acquisto di veicoli a basse emissioni di CO2, di cui all'articolo 17-bis del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134. Il decreto attuativo in parola definisce le modalità di fruizione dei contributi statali previsti per l'acquisto di auto ecologiche, quasi interamente destinati ad aziende e professionisti (riguardano infatti veicoli commerciali e aziendali, taxi, veicoli adibiti alla prestazione di servizi di car-sharing e noleggio), con sconto del 20% applicato dal concessionario. Il DL Sviluppo (n. 134/2012, articolo 17 decies) destina agli eco-incentivi 120 milioni di euro per il triennio 2013-2015. La partenza, che era stata in un primo momento prevista per il primo gennaio 2013, è slittata per indicazione nella Legge di Stabilità 2013 (Legge 228/2012, articolo 1 comma 422): i contributi saranno resi effettivamente disponibili 30 giorni dopo la pubblicazione del decreto in G.U., per cui presumibilmente a partire dal prossimo mese di marzo.

Soggetti destinatari dell'incentivo
Il contributo statale è destinato a chi acquista veicoli ad alimentazioni alternative (elettrici, ibridi, a metano, a biometano, a GPL, a biocombustibili, a idrogeno) con emissioni di anidride carbonica (CO2), allo scarico non superiori a 120 g/km. Nella maggior parte dei casi (ma non in tutti) è prevista la rottamazione di un precedente veicolo posseduto. I veicoli (automobili, veicoli commerciali leggeri, ciclomotori e motocicli a due e tre ruote, quadricicli) devono essere immatricolati fra il 2013 (dal giorno in cui verrà effettivamente aperta la piattaforma di prenotazione) e il 2015. L'incentivo riguarda in particolare imprese e professionisti, essendo rivolto prevalentemente ai veicoli aziendali o destinati all'esercizio di arti e professioni e, come più sopra accennato a quelli ad uso pubblico (taxi, car-sharing, noleggio, servizi di linea).

Come verranno ripartiti i fondi
Sono disponibili 40 milioni di euro per l'anno 2013 (35 mln per il 2014 e 45 mln per il 2015), che verranno così ripartiti:

  • 35,5 milioni di euro per l'acquisto di veicoli destinati all'uso di terzi o utilizzati nell'esercizio di imprese, arti e professioni, da impiegare esclusivamente come beni strumentali all'attività d'impresa. È obbligatoria la rottamazione di un corrispondente veicolo obsoleto. All'interno di questa somma, 7 milioni di euro sono destinati a veicoli con emissioni di CO2 non superiori a 95 g/km, e 3,5 milioni di euro per veicoli con emissioni di CO2 non superiori a 50 g/km. Per l'attribuzione della restante quota, vale il tetto generale di 120 g/km.
  • 4,5 milioni vanno a tutte le categorie di acquirenti (anche privati) che acquistano veicoli con emissioni di CO2 non superiori a 95 g/km. In questo caso non c'è necessità di rottamare un preesistente veicolo. Di questa somma, una quota di 1,5 milioni di euro viene riservata all'acquisto di veicoli con emissioni che non siano superiori a 50 g/km.

La ripartizione dei fondi 2014 e 2015 sarà stabilita da decreti ministeriali da emanare anno per anno.

A quanto ammonta il contributo
Per i veicoli acquistati nel 2013 e 2014, l'incentivo è pari al 20% del costo del veicolo (prima delle imposte) con un tetto massimo che varia in funzione delle emissioni nel seguente modo:

  • 5mila euro per i veicoli con emissioni di CO2 non superiori a 50 g/km,
  • 4mila euro per emissioni di CO2 non superiori a 95 g/km,
  • 2mila euro per emissioni di CO2 non superiori a 120 g/km.

Nel 2015 il livello del contributo scenderà al 15% del costo del veicolo, e i tetti massimi saranno i seguenti:

  • 3mila500 euro per emissioni non superiori a 50 g/km,
  • 3mila euro per emissioni non superiori a 95 g/km,
  • 1.800 euro per emissioni non superiori a 120 g/km.

Quali sono le regole per la rottamazione dei veicoli dismessi
Nei soli casi in cui l'incentivo è condizionato alla rottamazione di un precedente veicolo (è il caso che riguarda le imprese ed i professionisti), ci sono ulteriori elementi da prendere in considerazione. Il veicolo rottamato deve essere:

  • della stessa tipologia di quello acquistato (es.: veicolo commerciale con veicolo commerciale);
  • immatricolato da oltre dieci anni rispetto a quello che viene acquistato nuovo;
  • di proprietà dell'acquirente (o familiare/convivente) da almeno 12 mesi;
  • nel caso di locazione finanziaria del veicolo nuovo, il vecchio deve essere intestato da almeno 12 mesi al soggetto utilizzatore del veicolo o ad un familiare convivente.

Il concessionario ha poi l'obbligo di consegnare il veicolo usato a un demolitore entro i 15 giorni successivi alla consegna di quello nuovo e di provvedere direttamente alla richiesta di radiazione per demolizione allo sportello telematico dell'automobilista. In caso contrario non verrà riconosciuto l'incentivo. I veicoli usati non possono quindi essere rimessi in circolazione ma devono essere consegnati alle case costruttrici o a centri autorizzati di messa in sicurezza, demolizione, recupero di materiali e rottamazione.

Modalità di richiesta dei contributi

L'acquirente del veicolo (sia esso azienda o privato) non deve fare nessuna richiesta. Sarà infatti il concessionario a corrispondere direttamente la somma mediante compensazione con il prezzo di acquisto del mezzo nuovo (ovvero facendo uno sconto sul prezzo che corrisponde all'incentivo). Il venditore può verificare se le risorse disponibili non sono esaurite utilizzando la piattaforma elettronica messa a disposizione sul sito dedicato agli incentivi al quale in concessionario stesso dovrà registrarsi inserendo i dati del veicolo e dell'acquirente: se le risorse sono disponibili, la piattaforma fornisce risposta positiva ed emette una ricevuta di prenotazione. Entro i 90 giorni dalla prenotazione, pena il mancato riconoscimento del contributo statale, deve verificarsi la consegna del veicolo: a questo punto il concessionario dovrà comunicare il numero di targa del veicolo acquistato e caricare sulla piattaforma la relativa documentazione. Il concessionario sarà poi rimborsato dall'impresa costruttrice, che a sua volta recupererà quanto anticipato attraverso un credito d'imposta. Va tenuto conto che i concessionari non sono obbligati ad aderire all'iniziativa: l'acquirente interessato all'acquisto deve quindi verificare per tempo che il venditore aderisca agli incentivi.

AUTORE:

Dr. Massimo Pipino

Consulente fiscale di impresa
Conclusi gli studi dell'obbligo mi iscrivo al Liceo Scientifico Vincenzo Gioberti in Torino dove conseguo il diploma di maturità classica nel corso dell'anno scolastico 1978/79 con la votazione di 52/60...
.
Successivamente mi iscrivo alla Facoltà di Economia e commercio dell'Università di Torino, conseguendo il diploma di laurea nel corso dell'anno accademico 1985.
Quale primo impiego di occupo di analisi tecnica dei mercati mobiliari europei per conto di una commissionaria in titoli denominata CO.GE.TI. Srl. di base a Torino.
Nel giugno 1988 vengo assunto quale responsabile dell'internal auditing presso il Gruppo Rizzoli SpA.: le mie mansioni riguardavano la verifica contabile e di magazzino, nonché le gestione del personale delle agenzie dirette Rizzoli ricomprese nell'area centro-settentrionale della penisola.
Nel settembre 1992 vengo assunto dal Collegio Costruttori Edili della Provincia di Torino - ANCE Torino come responsabile del settore fiscale e tributario, mansione che ricopro tutt'ora ed in conseguenza della quale faccio parte degli organismi tecnici e di rappresentanza istituzionale di settore sia a livello locale che centrale.
Nel contempo avvio rapporti di collaborazione con il portale specialistico "IL COMMERCIALISTATELEMATICO" per il quale ho redatto nel giro di circa 3 anni oltre 200 articoli di argomento tributario e giuslavoristico. Sempre nel contesto della collaborazione con il "CT" ho redatto diversi e-book prevalentemente di argomento giuslavoristico e per i tipi della casa editrice Maggioli ho realizzato l'anno passato un manuale pratico per la compilazione della dichiarazione annuale IVA testo che avrà una riedizione aggiornata quest'anno.
Attualmente, oltre a curare e scrivere interventi vari per il "CT" ed a curarne una periodica rubrica giuslavoristica, faccio parte della redazione di "FISCUS", il mensile prodotto dal "CT", sul quale ho già avuto modo di pubblicare alcuni interventi.
Recentemente ho avuto modo di entrare nel novero dei collaboratori del sito tematico http://www.finanzaediritto.it/ su cui ho già pubblicato alcuni interventi su temi di natura fiscale e giuslavoristica.
Altri utenti hanno acquistato

Altri utenti hanno acquistato

Altri approfondimenti

tutti gli approfondimenti

Gli approfondimenti più letti

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali