Martedì 18 ottobre 2011

CREDITI IVA INFRANNUALE 2011. PRIMO INCONTRO RAVVICINATO AL 21%.

a cura di: FiscoOggi
L'istanza va presentata con il modello TR già in uso, anche perché le operazioni realizzate con la nuova aliquota riguardano un breve periodo: dal 17 al 30 settembre.
Lunedì 31 ottobre scadono i termini per la presentazione dell'ultima richiesta di rimborso/compensazione dell'Iva infrannuale 2011.
Il secondo comma dell'articolo 38-bis del Dpr 633/1972 prevede che la domanda possa essere effettuata in presenza dei seguenti presupposti di cui all'articolo 30, comma 3, dello stesso Dpr:
  • lettera a) aliquota media
  • lettera b) operazioni non imponibili
  • lettera c) acquisto beni ammortizzabili
  • lettera e) presenza delle condizioni previste dal terzo comma dell'articolo 17 (rappresentanti fiscali ovvero operatori non residenti identificati direttamente ex articolo 35-ter Dpr 633/1972).

Si tratta, in sostanza, di presupposti collegati ad attività fisiologicamente a credito, salvo l'ipotesi di cui alla lettera c), per la quale, infatti, operano due limitazioni rispetto al rimborso annuale:

  • gli acquisti e le importazioni effettuate nel periodo di riferimento devono essere superiori a due terzi dell'ammontare complessivo degli acquisti e importazioni di beni e servizi imponibili ai fini Iva (articolo 52 legge 342/2000)
  • l'ipotesi di rimborso non è applicabile per gli acquisti di beni e servizi relativi a studi e ricerche (circolare 207/2000 - punto 2.1.12).

Inoltre, in presenza di tale presupposto, non è possibile utilizzare i benefici previsti per i contribuenti virtuosi (esonero dalla presentazione della garanzia in presenza di precisi requisiti dettati dal settimo comma dell'articolo 38-bis).
Il modello, approvato con provvedimento del 19 marzo 2009, è disponibile sul sito internet dell'Agenzia delle Entrate o sul sito del ministero dell'Economia e delle Finanze.
In corrispondenza della prossima scadenza, gli interessati devono però confrontarsi con l'applicazione della nuova aliquota Iva ordinaria al 21% (articolo 2, comma 2-bis, del Dl 138/2011). La novità pone alcune problematiche circa la compilazione del modello, che sarà adeguato a decorrere dal primo trimestre del 2012. Questioni già sollevate da alcuni operatori che intendono chiedere a rimborso ovvero utilizzare in compensazione il credito Iva realizzato nel periodo luglio/settembre 2011, in relazione alle quali l'Agenzia delle Entrate ha chiarito che:

  • l'istanza deve essere presentata utilizzando il modello Iva TR approvato con il provvedimento del 19 marzo 2009, anche in considerazione del fatto che le operazioni attive e passive realizzate con la nuova aliquota riguardano un periodo di tempo molto limitato: dal 17 al 30 settembre 2011
  • l'imponibile e l'imposta delle operazioni con aliquota al 21% va indicata nei righi corrispondenti all'aliquota del 20
  • la differenza d'Iva dell'1% (per le operazioni effettuate fra il 17 e il 30 settembre) sarà indicata nei righi previsti per l'esposizione delle variazioni e degli arrotondamenti d'imposta.

Pertanto, il contribuente dovrà ricomprendere le operazioni attive con la nuova aliquota nel rigo TA11, riportando l'ulteriore 1% nel rigo TA14, campo 1 e campo 2. Stesso discorso per le operazioni passive al 21%: tutte nel rigo TB11 e l'1% di differenza indicato nel rigo TB13, campo 1 e campo 2.
Ulteriori informazioni sui corretti comportamenti da tenere riguardo all'applicazione della nuova aliquota sono stati comunicati con la circolare 45/E del 12 ottobre.
Innanzitutto, viene chiarito che è solo l'aliquota ordinaria ad aver subito la modifica dal 20 al 21%, mentre restano immutate le aliquote ridotte al 10 e 4% per i prodotti di cui alle parti II e III della tabella A allegata al Dpr 633/1972.

Ai fini della corretta applicazione della nuova norma, in relazione a quanto oggetto di controllo nella verifica degli adempimenti per la richiesta e liquidazione del rimborso infrannuale, viene inoltre specificato che:

  • il momento di effettuazione dell'operazione permane così come applicato prima della variazione dell'aliquota ordinaria
  • gli acconti, se pagati entro il 16 settembre scontando l'aliquota del 20%, non devono essere regolarizzati ai fini della nuova aliquota, che verrà applicata solo agli eventuali acconti o al saldo successivi, le cui fatture sono emesse dal 17 settembre 2011. Stessa regola per le fatture anticipate
  • sulla base di una interpretazione logico-sistematica (ampiamente motivata nella circolare) per le fatture a esigibilità differita, è sufficiente l'emissione della fattura entro il 16 settembre perché la stessa sconti l'aliquota al 20% e non anche la sua registrazione, che si ritiene possa essere effettuata entro i termini di cui all'articolo 23 del Dpr 633/1972.

Elda Papandrea

Fonte: www.nuovofiscooggi.it
AUTORE:

Redazione Fiscooggi

FiscoOggi
Altri utenti hanno acquistato

Altri utenti hanno acquistato

Altri approfondimenti

tutti gli approfondimenti

Gli approfondimenti più letti

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report