Giovedì 7 novembre 2013

Aiuti d'importanza minore di cui al Regolamento (CE) n. 1998/2006 della Commissione: limiti e criticita' nel calcolo del tetto 'de minimis'.

a cura di: Dott. Massimo De Nardi e Dott. Luigi Arrica
Alla luce dell'imminente revisione del Regolamento (CE) n. 1998/2006. della Commissione, del 15 dicembre 2006, relativo all'applicazione degli articoli 87 e 88. del Trattato istitutivo della Comunità economica europea (o "TCE") agli aiuti di importanza minore ("de minimis"), si propongono una breve analisi sui limiti ed un quadro di sintesi delle più rilevanti criticità che l'applicazione del suddetto regolamento ha sollevato. in questi anni di vigenza.

Premessa
Fin dal Trattato di Roma del 1957, la creazione di un regime di garanzia della libertà di concorrenza nel mercato interno si qualifica quale obiettivo necessario. per uno "sviluppo armonioso, equilibrato e sostenibile delle attività economiche.."
Di converso, gli Stati membri hanno accettato (e tuttora accettano) di limitare i propri poteri con riguardo ad azioni di sostegno a favore delle imprese, per lasciar spazio ad una politica comunitaria regolatrice della distribuzione degli aiuti, in modo equo e proporzionale, in tutto il mercato interno.. Scelta che non può certo considerarsi priva di effetti, dal momento che le conseguenze di tale decisione. si ripercuotono nel tessuto economico-sociale di ogni Stato; valga, a tal proposito, richiamare l'art. 107 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea. (o "TFUE") che qualifica come "incompatibili con il mercato interno, nella misura in cui incidano sugli scambi tra Stati membri, gli aiuti concessi dagli Stati, ovvero mediante risorse statali, sotto qualsiasi forma che, favorendo talune imprese o talune produzioni, falsino o minaccino di falsare la concorrenza."

Conseguentemente, la disciplina relativa agli aiuti di Stato. ha sempre destato un notevole interesse in quanto coinvolge, con ruoli diversi, più soggetti: gli Stati membri in primo luogo, le Amministrazioni locali e regionali secondariamente ed, infine, le imprese potenzialmente beneficiarie.
Cio' posto, non tutti i sussidi alle imprese sono considerati incompatibili: la Commissione ha previsto, infatti, un articolato sistema di verifica e di controllo ex ante (aiuti di Stato soggetti all'obbligo di notifica.) ed ex post (esenzioni per categoria.ed aiuti di entità minore), attuativo degli articoli 87, paragrafi 2 e 3, ed 88 del "TCE" nella parte in cui si definiscono gli aiuti compatibili con il regime comunitario.
In particolare e per ciò che in questa sede interessa, la compatibilità delle agevolazioni nell'ambito de minimis viene sancita.dal Regolamento (CE) n. 994/98 del Consiglio, del 7 maggio 1998, che, richiamando le precedenti comunicazioni della Commissione 92/C 213/02 e 96/C 68/06, considera ope legis non significativi gli aiuti di importanza minore, laddove mantenuti all'interno del massimale previsto, per i loro effetti sulla concorrenza.
Si può quindi comprendere, alla luce di quanto brevemente esposto, come le regole che definiscono le modalità di calcolo di tale "massimale" rappresentino un aspetto particolarmente delicato del Regolamento stesso e, nonostante nel tempo si siano susseguiti interventi volti ad integrare e modificare quanto già disposto, continuino a persistere dubbi e perplessità su importanti aspetti applicativi per i quali si rimanda al prosieguo della trattazione.

Per continuare a leggere l'articolo a cura di Luigi Arrica e Massimo De Nardi clicca qui.

 

AUTORI:

Dott. Massimo De Nardi

Dottore Commercialista e Revisore Legale in Treviso
Dott. Massimo De Nardi e Dott. Luigi Arrica
Laureato in Economia nel 1999 presso l'Università Ca' Foscari di Venezia, indirizzo “Economia e legislazione per l’impresa”, è iscritto dall'anno 2005 all'Ordine dei Dottori Commercialisti e degli...
Esperti Contabili di Treviso. Dal medesimo anno è iscritto nel registro dei Revisori Legali dei conti.
Dopo una breve esperienza in azienda, abbraccia la professione di Dottore Commercialista, che esercita nella città di Treviso in proprio e in collaborazione con lo “Studio associato Vecchiato & Zambon”.
Si occupa prevalentemente di consulenza fiscale e societaria, con particolare vocazione nella fiscalità indiretta, nel contenzioso tributario e nelle operazioni straordinarie d’impresa.

Dott. Luigi Arrica

Dottore Commercialista, Revisore Legale e Difensore Tributario
Dott. Massimo De Nardi e Dott. Luigi Arrica
Laureato in Economia nel 2001, presso l’Università di Economia e Commercio di Sassari, si è formato nel settore della finanza d’impresa e della consulenza aziendale. Dal 2011 è iscritto all’albo...
dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Sassari, e nello stesso anno al registro dei Revisori Legali dei conti. Titolare dello Studio Commerciale Arrica, esercita l’attività professionale con particolare dedizione per la fiscalità d’impresa ed il contenzioso tributario.
DOCUMENTI IN EVIDENZA:

Documenti correlati:

Altri approfondimenti

tutti gli approfondimenti

Gli approfondimenti più letti

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS