CAF 730 - diventa un centro di raccolta - Clicca per maggiori informnazioni!
Giovedì 30 gennaio 2014

Abolizione del canone RAI per soggetti di eta' pari o superiore a 75 anni Art. 1, comma 132, legge 24 dicembre 2007, n.248

a cura di: Studio Legale Gabriella Filippone
Questa volta non si tratta di una bufala in giro per il web.
Chi ha un'età pari o superiore ai 75 anni e si trova in determinate condizioni reddituali può chiedere l'esenzione: abolizione del canone RAI per soggetti di eta' pari o superiore a 75 anni (Art. 1, comma 132, legge 24 dicembre 2007, n.248).

In quali casi dunque si può lecitamente non pagare il canone RAI ?

La lista stilata da Altroconsumo:

  • Se in casa non hai la tv, hai solo la radio, il canone Rai non è dovuto. Stessa cosa se possiedi un pc, un tablet o uno smartphone: anche se possono essere utilizzati per vedere i canali Rai tramite internet, non sono soggetti alla tassa.
  • Se si possiede una seconda casa, il canone non raddoppia: l'abbonamento per l'abitazione principale consente di possedere anche altri apparecchi, senza sovrapprezzi.
  • È possibile chiedere l'annullamento del canone se, per esempio, un anziano si trasferisce in una casa di riposo: è sufficiente indicare, nella comunicazione, i dati della casa di riposo e la data di inizio della degenza.
  • L'esenzione per gli over 75 spetta a chi possiede questi tre requisiti: chi ha compiuto i 75 anni entro il termine di pagamento del canone (31 gennaio 2014, per l'anno in corso), convive solamente con il coniuge e, conteggiando anche il reddito del coniuge, ha un reddito annuo lordo non superiore a 6.713,98 euro.

Sul sito dalla RAI a questa pagina vengono fornite spiegazioni molto dettagliate sui requisiti richiesti a chi ha compiuto i 75 anni, per avere diritto all'esenzione.

Le condizioni in sintesi sono queste:

  • non convivere con altri soggetti diversi dal coniuge titolari di reddito proprio;
  • possedere un reddito che unitamente a quello del proprio coniuge convivente, non sia superiore complessivamente ad euro 6.713,98 annui.

Viene altresì indicato come inviare la domanda di esenzione per gli anni 2008-2009-2010-2011-2012, che va presentata utilizzando il modulo di dichiarazione sostitutiva.

Le domande di esenzione/rimborso presentate prima del 19/9/2010 - che non sono state redatte sul modello ufficiale dell'Agenzia delle Entrate saranno ritenute comunque valide, fatti salvi i dovuti controlli sulle condizioni del reddito eseguiti dall'Agenzia delle Entrate. Nel caso in cui le informazioni fornite non saranno ritenute sufficienti l'Agenzia delle Entrate provvedera' ad informare l'utente.

Specificamente, dal sito RAI.IT:

ESONERO CANONE TV PER SOGGETTI DI ETA' PARI O SUPERIORE AI 75 ANNI

Per avere diritto all'esenzione occorre:

  • aver compiuto 75 anni di eta' entro il termine di pagamento del canone;
  • non convivere con altri soggetti diversi dal coniuge titolari di reddito proprio;
  • possedere un reddito che unitamente a quello del proprio coniuge convivente, non sia superiore complessivamente ad euro 516,46 per tredici mensilita' (euro 6.713,98 annui).

Per reddito si intende la somma:

  • del reddito imponibile (al netto degli oneri deducibili) risultante dalla dichiarazione dei redditi presentata per l'anno precedente; per coloro che sono esonerati dalla presentazione della dichiarazione, si assume a riferimento il reddito indicato nel modello CUD;
  • dei redditi soggetti ad imposta sostitutiva o ritenuta a titolo di imposta, quali, ad esempio, gli interessi maturati su depositi bancari, postali, BOT, CCT e altri titoli di Stato, nonché i proventi di quote di investimenti;
  • delle retribuzioni corrisposte da enti o organismi internazionali, rappresentanze diplomatiche e consolari e missioni, nonché quelle corrisposte dalla Santa Sede, dagli enti gestiti direttamente da essa e dagli enti centrali della Chiesa cattolica;
  • dei redditi di fonte estera non tassati in Italia.

Viceversa, sono esclusi dal calcolo:

  1. i redditi esenti da Irpef (ad esempio pensioni di guerra, rendite INAIL, pensioni erogate ad invalidi civili);
  2. il reddito dell'abitazione principale e relative pertinenze;
  3. i trattamenti di fine rapporto e relative anticipazioni
  4. altri redditi assoggettati a tassazione separata.

NB.: Il requisito del reddito deve essere riferito all'anno precedente a quello per il quale si intende fruire dell'agevolazione.

La domanda di esenzione per gli anni 2008-2009-2010-2011-2012 deve essere presentata utilizzando il modulo di dichiarazione sostitutiva (ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) che puo' essere scaricato dal sito Internet dell'Agenzia delle Entrate oppure reperito presso gli uffici locali o territoriali della stessa presso gli sportelli delle sedi regionali della Rai.

La domanda deve essere spedita tramite raccomandata al seguente indirizzo:

Agenzia delle Entrate
Direzione Provinciale I di Torino
Ufficio territoriale di Torino 1
Sportello S.A.T.
Casella postale 22
10121 - Torino (To)

oppure consegnata agli uffici territoriali dell'Agenzia delle Entrate.

Tutti i contribuenti interessati possono richiedere assistenza e informazioni sulle modalita' di compilazione della dichiarazione e all'istanza di rimborso al numero 848.800.444 o presso gli uffici dell'Agenzia presenti su tutto il territorio nazionale. Inoltre e' a disposizione dei cittadini il Call Center Risponde Rai al numero 199.123.000.

Per avere diritto all'esenzione annuale per l'anno 2013 e' necessario aver compiuto 75 anni (o un eta' superiore) entro il 31/01/13.
Coloro che intendono fruire del beneficio per la prima volta relativamente al secondo semestre dell'anno devono aver compiuto 75 anni di eta' entro il 31/07/13.
Anche in questo caso l'Agenzia delle Entrate effettuera' i dovuti controlli per verificare le condizioni di eta' e di reddito.

La domanda di rimborso per gli anni 2008-2009-2010-2011-2012, nel caso in cui siano presenti i requisiti, dovra' essere effettuata tramite l'apposito modulo che puo' essere scaricato dal sito Internet dell'Agenzia delle Entrate oppure reperito presso gli uffici locali o territoriali della stessa Agenzia delle Entrate o presso gli sportelli delle sedi regionali della Rai, unitamente alla dichiarazione sostitutiva ai sensi degli articoli 46 e 47 del DPR 28 dicembre 2000, n. 445, e successive modificazioni e integrazioni, che attesti il possesso dei requisiti e delle condizioni di ammissione.

La domanda deve essere spedita tramite raccomandata al seguente indirizzo:

Agenzia delle Entrate
Direzione Provinciale I di Torino
Ufficio territoriale di Torino 1
Sportello S.A.T.
Casella postale 22
10121 - Torino (To)

oppure consegnata agli uffici territoriali dell'Agenzia delle Entrate.

Naturalmente le domande di esenzione/rimborso presentate prima del 19/9/2010 - non potendo essere redatte sul modello ufficiale reso disponibile dall'Agenzia delle Entrate a partire dal giorno successivo - in presenza dei requisiti di eta' e di reddito indicati dalla legge saranno ritenute comunque valide, fatti salvi i dovuti controlli sulle condizioni del reddito eseguiti dall'Agenzia delle Entrate. Qualora le informazioni fornite non fossero sufficienti l'Agenzia delle Entrate provvedera' ad informare l'utente.

Nelle annualità successive, i contribuenti possono continuare a beneficiare dell'agevolazione senza procedere alla presentazione di nuove dichiarazioni. Resta fermo, tuttavia, che qualora il contribuente, negli anni successivi alla presentazione della dichiarazione, non risulti più in possesso dei requisiti per beneficiare della esenzione, sarà comunque tenuto al versamento del canone.

Da ultimo si fa presente che l'aticolo 1, comma 132, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 dispone che venga irrogata una sanzione amministrativa di "importo compreso tra euro 500 e euro 2000 per ciascuna annualita' evasa'. Tale sanzione si cumula con il canone dovuto e gli interessi maturati. In caso di dichiarazioni mendaci si applicano le sanzioni penali previste dall'art. 76 del DPR n. 445 del 2000.

Fonti:
- RAI.IT
- Altroconsumo

Fonte: http://gabriellafilippone.blogspot.it
AUTORE:

Avv. Gabriella Filippone

Avvocato del foro di Pescara
Studio Legale Gabriella Filippone
Laurea in Giurisprudenza conseguita presso l'Università degli studi G. D'annunzio di Chieti - Teramo. Avvocato, con studio in Pescara. Mi occupo di diritto civile e di alcuni settori penali. Ho maturato...
esperienza specialistica nel contenzioso civile prevalentemente nei settori recupero crediti e locazioni immobiliari.

Ho prestato attività di collaborazione e consulenza legale in favore di un’associazione dei consumatori di rilevanza nazionale, maturando esperienza nel settore del consumerismo nell’ambito della tutela del consumatore.
Redattrice di scritti, contributi e articoli per riviste giuridiche on line.
Gli stretti legami con l'editoria specialistica permettono di offrire soluzioni di buon standard.
Offro domiciliazioni legali, assistenza nella stipula di contratti e convenzioni, consulenze legali anche aziendali, assistenza stragiudiziale.
DOCUMENTI IN EVIDENZA:

Documenti correlati:

Altri approfondimenti

tutti gli approfondimenti

Gli approfondimenti più letti

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report